Panino Italiano Magazine

Vicino a Torino Porta Nuova abbiamo mangiato un panino con l’impasto della pinsa

Panino Tour by Alessio D'aguanno 31/05/2019

Una delle catene più celebri a tema è Pinsa per Te, che ha due locali a Torino e uno ad Avigliana

a cura di Alessio D’Aguanno

 

Sebbene negli ultimi anni siano state aperte numerose pinserie in Italia, il prodotto è rimasto fino ad ora troppo poco conosciuto. Si tratta di una focaccia risalente all’antica Roma, preparata con un mix di cereali impastati con acqua e sale, stirata, allungata e poi cotta. Il termine deriva dal latino “pinsere” - stendere, allungare – poiché la forma oval-rettangolare si ottiene stendendo la pasta. Viene considerata l’antenato della pizza e, a differenza della sua celebre concorrente, il suo impasto differisce per alcuni aspetti.

Ha una maggior idratazione (80%), l’impasto prevede l’utilizzo di acqua fredda, al fine di favorire una lievitazione più lenta e lunga, mai inferiore alle 24 ore. Rispetto alla tradizionale pizza, inoltre, l’impasto non è a base di farina di frumento, ma di un mix di farine che nel tempo si è evoluto. Con il tempo non sono solo cambiati i cereali prescelti - prima miglio, orzo e farro, oggi frumento, riso e soia – ma anche le modalità di consumo. Da sostituto del pane, mangiato in accompagnamento a formaggi e salumi, oggi è diventato un prodotto a sé. Si consuma come se fosse una pizza, con abbinamenti tradizionali e altri meno scontati.

Come nel caso di Pinsa per Te, una delle catene a tema che ha all’attivo quattro sedi fra Torino, Milano e Avigliana. Il mix qui proposto è a base di frumento, riso e soia e il tempo di lievitazione è di 48 ore. Risultato? Prodotto croccante esternamente, morbido all’interno e digeribilissimo.

Noi, nella sede torinese nei pressi di Porta Nuova, abbiamo scelto una variante ancor più rara della pinsa: il pinsotto. È un panino realizzato con lo stesso impasto - se vogliamo l’alter ego del panuozzo - che viene farcito sia con ingredienti salati che dolci.

Tentati dalla novità, non abbiamo saputo resistere al Sandra con mozzarella, pecorino DOP, crema di tartufo e guanciale. L’esterno è croccante, l’interno morbido e umido. Il panino ci viene tagliato a metà e una delle due non ci convince perché eccessivamente salata. Per il resto, è un ottimo prodotto; è più digeribile del 99% delle pizze, gli ingredienti sono ben riconoscibili – eccetto il pecorino – ed è un prodotto particolarmente versatile.

Insomma, se non l’avevate mai mangiata, è il momento di pinsarci.

 

Indirizzo:

Via Urbano Rattazzi, 1D, 10123 Torino TO

Orari:

Lunedì-venerdì: 11:30-15:30, 18-23

Sabato-domenica: 11:30-23:30

Telefono: 011 537336

Vicino a Torino Porta Nuova abbiamo mangiato un panino con l’impasto della pinsa
Alessio D'aguanno

Alessio D'aguanno

Alessio D'Aguanno, una laurea in Dietistica e un Master in Food & Wine Communication, si appassiona per caso al cibo e ne rimane folgorato. Il suo credo è "Love you can eat", apprezza quello che puoi mangiare e tutto sarà più buono.

Articoli correlati

un-panino-meglio-una-mpustarella-n-1914.html

Un panino? Meglio una 'mpustarella

cyclery-a-varese-n-2226.html

Cyclery: a Varese

pan-iro-by-simone-cantafio-n-1849.html

PAN-IRO by Simone Cantafio

sapore-di-abruzzo-a-roma-proprio-sottocasa-n-2153.html

Sapore di Abruzzo a Roma, proprio Sottocasa

la-paninoteca-piemontese-dove-il-bicchiere-e-tutto-ri-pieno-n-2365.html

La paninoteca piemontese dove il bicchiere è tutto (ri)pieno

riapre-baladin-milano-bere-e-mangiare-nel-segno-del-lievito-n-2103.html

Riapre Baladin Milano: bere e mangiare nel segno del lievito