Panino Italiano Magazine

Valpolicella mon amour

Prodotti & Produttori by Anna Prandoni 19/04/2017

Un viaggio del gusto tra i colli della Valpolicella, alla scoperta di sapori antichi e di un abbinamento ‘tosto’: un vino rosso importante si accompagna ai morsi succulenti che daremo a questo panino speciale, un burger al profumo di tartufo e arricchito da un tocco di cren, così amato in questa zona d’Italia e in grado di donare una punta di piccante che risveglierà il palato. 

Nel bicchiere, un Valpolicella ripasso, naturalmente. In questo caso, il Valpolicella Ripasso Superiore Campi Magri 2014 Corte sant’Alda, con uve certificate biologiche e biodinamiche (marchio Demeter).  

Dopo la fermentazione spontanea in tini di rovere il vino viene ‘ripassato’ sulle vinacce del prestigioso amarone e poi portato a maturazione in botti di ciliegio: il risultato? Una sorprendente degustazione che sa di frutta rossa, per un vino raffinato e succoso.

 www.cortesantalda.it 

 

Panino "Valpolicella" (ricetta di Fabio Zago)

Ingredienti e dosi per 4 panini

4  panini di Verona

300 g di carne di manzo tritata 

50 g di pane ammollato nel latte

1 acciuga 

40 g di tartufo nero ben pulito e a fettine sottili

1/2 spicchio d'aglio

10 g di parmigiano

sale, pepe nero, foglioline di timo

crema di cren

insalatine novelle

Procedimento

Mescolare la carne con il pane ammollato, l'acciuga tritata, poco formaggio, sale, pepe, qualche fogliolina di timo e mezzo spicchio d'agli tritato.

Unire il tartufo nero a lamelle sottili.

Formare quattro burger sottili

Cuocere i burger per 2' per lato.

Nel frattempo tagliare il pane, spalmare l'interno con un velo sottile di crema di cren.

Adagiarvi un tocco di insalatine novelle freschissime .

Farcire con il burger caldo e servire con patate fritte.

 

Anna Prandoni

Anna Prandoni

Anna Prandoni è direttore de Il Panino Italiano e advisory board member dell’Accademia. Giornalista e scrittrice, da oltre 20 anni si occupa di enogastronomia con una particolare attenzione all’influenza che questo settore ha nella nostra società, prima come direttore de La Cucina Italiana, poi come direttore dell’Accademia Marchesi, oggi come direttore di Gastronomika, il magazine del cibo del quotidiano Linkiesta.

Articoli correlati

lolio-e-un-mondo-complesso-n-2068.html

L'olio è un mondo complesso

una-gita-fuori-porta-n-1998.html

Una gita fuori porta

roberto-e-il-formaggio-a-forma-di-torre-n-2067.html

Roberto e il formaggio a forma di torre

fase-due-le-novita-di-giacomo-milano-n-2665.html

Fase due: le novità di Giacomo Milano

un-weekend-da-salami-n-2515.html

Un weekend da salami

mari-monti-n-1852.html

Mari & monti