Panino Italiano Magazine

Un panino alla francese con La baghet

Panino Tour by Anna Prandoni 22/05/2019

La pronuncia è milanese, ma l'anima è francese: lei è Emeline, milanese anomala, nata a tra Grenoble e Lione, che arrivata a Milano per studio e lavoro non riusciva mai a trovare un pane buono come a casa.

Ha iniziato a collaborare con Davide Longoni e ha cercato di portare la baguette francese a Milano, creando La baghet. La strada è stata lunga: anche la baguette tradition in Francia è preparata con farine troppo raffinate, e la lavorazione di questa tipologia di pane richiede una tecnica e una manualità che non tutti hanno.

L'idea era quindi quella di fare un pane con una farina 0, che non desse problemi e che permettesse di formare questo pane nel migliore dei modi. 

La svolta è stata la farina del molino Sobrino, che tra l'altro per una francese ha anche un vantaggio di 'geolocalizzazione'. Il Piemonte è la porta dell'Italia verso la Francia, e per tornare a casa Emeline passa proprio da lì, e nel viaggio si è fermata giusto il tempo di trovare la farina perfetta per lei. 

"Assaporando la prima baguette fatta a Milano ho ritrovato i profumi della mia baguette da piccola, non più il gusto standardizzato dei supermercati."

E quindi è nato il suo progetto che l'ha portata dalla consulenza di marketing, prodotto e design al pane. Il passo è stato breve: per una persona abituata a lavorare su progetti di altri, crearne uno proprio è stato naturale, proprio come l'idea di portare il pane buono sotto casa delle persone con una ape car: senza un negozio fisso che vincola, ma un format più mobile e metropolitano. Al pane ha affiancato altri prodotti francesi, poi delle vere e proprie lezioni ed oggi un catering tematico. 

La contaminazione Italia-Francia è tutta nel panino che Emeline ha creato per noi: il ricordo dell'estate a casa, formato panino!

Tagliamo la baguette, a metà, ricordando che non si taglia dritta ma si deve tagliare di sbieco. 

La crosta dev'essere croccante e l'interno morbido: l'umidità milanese da questo punto di vista non aiuta. L'impasto speciale de La baghet è stato 'costruito' proprio per questo. 

Tagliamo la baguette a metà, e la apriamo. 

La spalmiamo di burro Echirè (è il burro dell'Eliseo!) su una delle due parti.

Aggiungiamo un bleu di pecora, noci di Grenoble, cubetti di pera, i fiori, il miele di castagno che a Emeline ricorda l'infanzia. 

Richiudiamo e siamo pronti per gustare un panino trasversale, che abbraccia due nazioni e conquista tutti con un gusto femminile e piacevolissimo. 

 

Scopri i panini francesi.

Un panino alla francese con La baghet
Un panino alla francese con La baghet
Un panino alla francese con La baghet
Anna Prandoni

Anna Prandoni

Anna Prandoni è direttore de Il Panino Italiano e advisory board member dell’Accademia. Giornalista e scrittrice, da oltre 20 anni si occupa di enogastronomia con una particolare attenzione all’influenza che questo settore ha nella nostra società, prima come direttore de La Cucina Italiana, poi come direttore dell’Accademia Marchesi, oggi come direttore di Gastronomika, il magazine del cibo del quotidiano Linkiesta.

Articoli correlati

panino-bowl-n-2078.html

Panino Bowl

nun-sapori-mediterranei-per-un-kebab-allitaliana-n-2099.html

Nun, sapori mediterranei per un kebab all'italiana

panino-e-tartufo-un-accoppiata-vincente-n-2747.html

Panino e tartufo, un’accoppiata vincente

daniele-bonzi-la-sua-storia-i-suoi-panini-n-2720.html

Daniele Bonzi: la sua storia, i suoi panini

la-cucina-pugliese-a-regola-d-arte-approda-a-milano-n-2601.html

La cucina pugliese a regola d’arte approda a Milano

panino-italiano-magazine-anche-a-festavico-n-2205.html

Panino Italiano Magazine anche a Festavico