Panino Italiano Magazine

The story of Sandwich...first step!

Paninosofia by Alberto Capatti 25/11/2016

Quando compare il sandwich in Italia? La questione non è solo gastronomica perché i principali dizionari italiani ne attestano molto tardivamente l’uso, nel secondo ottocento. Chi avanza la data 1874 e chi la posticipa al 1890 citando Il Corriere della Domenica. I ricettari italiani ottocenteschi importanti, prima di Pellegrino Artusi, lo trattano marginalmente perché rivela un modo di far cucina semplice e sbrigativo ed è difficile da inserire in  un pranzo. Fra le primissime testimonianze, citiamo La cuciniera di città e di campagna di Audot, pubblicata a Torino nel 1845. Traduzione di un testo francese, ristampato ininterrottamente dal 1818, comportava un capitolo sulla cucina inglese (con sole sette ricette) fra cui questi :

Sandwichs

Preparate fette sottili di pane raffermo e imbutiratele leggiermente. Sulla loro metà ponete uno strato sottile di filetto di bue, prosciutto cotto, lingua investita, pollame o selvaggina, ottimo formaggio d’Italia (come dicono i francesi, e che consiste in carne di porco pesta  e condita a un di presso come la salsiccia e cotta al forno in una forma che le dà la figura d’un formaggio e che mangiasi calda e fredda) e inoltre ripieno fine o spremuto di pollame, poi ricopritelo coll’altra metà della fetta, stringendo per assottigliarle, indi servitele da colazione o nelle cene.

Il formaggio d’Italia è descritto dall’editore-traduttore e rappresenta l’apporto francese al sandwich. L’elenco degli altri ingredienti è generico al punto che esso riceve qualsiasi tipo di carne ed è ripetibile ovunque. Se le carni, in Italia, nel 1845, qualificavano una società privilegiata e abbiente, tanto più se servite in margine o all’inizio di un pranzo e di una cena, la loro varietà ne allargava potenzialmente il consumo.

Il sandwich penetra dunque in Italia dalla Francia mantenendo nome e origine, accogliendo ingredienti allogeni ed autoctoni e grazie ad essi ricevendo una seconda e una terza identità.

The story of Sandwich...first step!
Alberto Capatti

Alberto Capatti

Ha diretto la rivista La Gola e il mensile Slow di Slow Food. Ha scritto libri e saggi di storia della cucina francese e italiana ed è stato il primo Rettore dell'Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo.Gli abbiamo proposto la presidenza dell'Advisory Board perché ama valorizzare i patrimoni potenziali, rendendoli beni comuni e fruibili da tutti, sotto l'egida di una ricerca instancabile della verità e della trasparenza.

Articoli correlati

pane-e-fichi-2-n-2048.html

Pane e fichi (2)

pani-dimenticati-pani-perduti-n-1985.html

Pani dimenticati, pani perduti?

il-banchetto-n-1880.html

Il banchetto

tante-buone-pagnotte-n-1958.html

Tante buone pagnotte

i-crostini-seconda-parte-n-1904.html

I crostini (seconda parte)

il-pane-quotidiano-versione-deodato-n-2177.html

Il pane quotidiano versione Deodato