Panino Italiano Magazine

Sembra bianca, ma e' di piu'...

Prodotti & Produttori by Anna Prandoni 11/07/2016

Mangiare il pane nero? Giammai! Per mia nonna, una vita a ricordare la guerra trascorsa a fare economia, il pane preparato con farina non bianchissima equivaleva a tornare a quei tempi di crisi e privazione.

E per molti di noi, quel candore della farina è sinonimo di bontà, ricchezza, privilegio.

Ma la realtà corrisponde alla credenza popolare? Come in molti casi, no.

Aumentando il livello glicemico del sangue, questa tipologia di farina non aiuta il nostro benessere e anzi, può peggiorare la situazione di chi soffre di malattie cardiovascolari e di diabete, per esempio.

La farina bianca è infatti impoverita, perché raffinata: sono stati eliminati la crusca e il germe, un po’ per renderla più bianca, ma anche perché questa operazione la rende più adatta al trasporto, alla conservazione e le permette di essere più versatile nell’utilizzo.

E se riuscissimo ad avere i benefici della farina non raffinata e il candore a cui tanto siamo affezionati? E’ quello che ha realizzato Varvello 1888, con la nuova Farina Intera®, biodisponibile e completa, presentata nell’ambito di un evento svoltosi all’Accademia del Panino Italiano, durante il quale Varvello ha anche comunicato la sua adesione alla Fondazione Umberto Veronesi, contribuendo a sostenere la ricerca scientifica della Fondazione nell’area della nutrigenomica e della prevenzione e cura del tumore al colon, grazie alla raccolta fondi legata alla vendita di una serie di prodotti a base di Farina Intera®. 

«Varvello 1888 – spiega Franco Varvello, founder dell’azienda - è impegnata nel promuovere l'utilizzo della propria farina Intera, a ridotto impatto glicemico, presso i fornai artigiani, che diventano a loro volta promotori della corretta alimentazione. I partner farina Intera scelgono di abbandonare l'uso delle farine raffinate a beneficio di farine non raffinate come farina Intera e di farine di cereali diversi. La loro scelta è premiata con un diploma che certifica la scelta dei fornai che diventano dei punti vendita Farina Intera® in linea con le linee guida della corretta alimentazione. L'idea è di riportare le dieci regole di prevenzione sui sacchetti del pane perché si possa fare corretta informazione anche attraverso strumenti semplici e di diffuso utilizzo».

Un modo efficace e semplice allo stesso tempo di fare cultura gastronomica in maniera concreta e tangibile.

Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Sembra bianca, ma e' di piu'...
Anna Prandoni

Anna Prandoni

Anna Prandoni è direttore de Il Panino Italiano e advisory board member dell’Accademia. Giornalista e scrittrice, da oltre 20 anni si occupa di enogastronomia con una particolare attenzione all’influenza che questo settore ha nella nostra società, prima come direttore de La Cucina Italiana, poi come direttore dell’Accademia Marchesi, oggi come direttore di Gastronomika, il magazine del cibo del quotidiano Linkiesta.

Articoli correlati

non-solo-colomba-i-pani-della-pasqua-n-2418.html

Non solo colomba: i “pani” della Pasqua

parmigiano-reggiano-re-dei-formaggi-iv-parte-n-857.html

PARMIGIANO REGGIANO: RE DEI FORMAGGI - IV PARTE

chiaretto-doc-un-nuovo-compagno-per-i-panini-n-1996.html

Chiaretto DOC: un nuovo compagno per i panini

ioboscovivo-i-funghi-alleati-dell-uomo-e-dell-ambiente-n-2442.html

IoBoscoVivo, i funghi alleati dell’uomo e dell’ambiente

un-tocco-di-rosa-al-panino-con-il-pinkimonio-di-morgan-n-2159.html

Un tocco di rosa al panino con il Pinkimonio di Morgan

il-pane-del-futuro-di-antonio-cera-n-1890.html

Il pane del futuro di Antonio Cera