Panino Italiano Magazine

Piatti, piattini e “scarpette”. E il panino dove sta?

Paninosofia by Alberto Capatti 30/11/2020

Il Gambero Rosso li ha raccontati e fotografati. Piatti, piattini che portano disegnati e colorati frammenti di cibo, bave di salse, perché il design oggi non esita a prendersi gioco dell’appetito dei consumatori, della loro indole maniacale, dei loro residui, capace di tradursi in una "scarpetta". 


A cura di Alberto Capatti


Vedo in fondo al piatto delle forme appena accennate, dei colori, e mi resta ancora la voglia di pulirli con un pezzetto di pane, e offrirmi l’ultimo boccone. Anzi no, perché tutto è disegnato e nemmeno la lavastoviglie può farci nulla. 

Ma se sul piatto metterò un panino, potrei solo vedere delle briciole, disegnare delle briciole, un brulichio di puntini neri o marroni e nulla più. Così, non c’è scarpetta che tenga né design. 

La legge del panino vuole che, per il principio di non contraddizione, non si possa ripulirne il fondo, e che si possa solo riprendere, con l’ennesimo, con l’ultimo morso, quanto resta. 

E allora progettate, disegnate piatti per i panini, e solo una piccola parte saranno tondi, perché ci attendiamo che ne sposino la forma, anzi, invece che i piatti, inventiamo altri supporti che saranno senza scarpetta perché un panino finisce tutto in bocca ed è improbabile lasciarne qualcosa


Quest’ultima ipotesi ci ricorda che noi paninari non amiamo i resti, gli sprechi, e, se il pane è d’oro, come dice la Phaidon, il panino non è di un oro leggendario, bensì di un semplice impasto di farine destinato non a accompagnare, recuperare, scarpettare, ma a operare una sintesi di ingredienti e sapori, saziando corpo e mente, a piccoli o grandi morsi.



Credits: Photo by Caroline Attwood on Unsplash

Alberto Capatti

Alberto Capatti

Ha diretto la rivista La Gola e il mensile Slow di Slow Food. Ha scritto libri e saggi di storia della cucina francese e italiana ed è stato il primo Rettore dell'Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo.Gli abbiamo proposto la presidenza dell'Advisory Board perché ama valorizzare i patrimoni potenziali, rendendoli beni comuni e fruibili da tutti, sotto l'egida di una ricerca instancabile della verità e della trasparenza.

Articoli correlati

la-marcia-di-radetzky-verso-milano-n-2605.html

La marcia di Radetzky verso Milano

aldo-ci-credeva-n-1786.html

Aldo ci credeva...

i-sensi-n-1868.html

I sensi

don-camillo-allesselunga-n-2115.html

Don Camillo all'Esselunga

champagne-o-spumante-n-2088.html

Champagne o Spumante

lisa-biondi-panini-tramezzini-e-cucina-all-aria-aperta-n-1843.html

Lisa Biondi, Panini tramezzini e cucina all’aria aperta