Panino Italiano Magazine

Panino con il Montebore

Prodotti & Produttori by Daniele Reponi 31/01/2018

Un Panino con il formaggio Montebore?

Ecco l'idea di Daniele Reponi:

80-100 g pane di grano tenero tipo 2 macinato a pietra, tipo ciabatta o simile 

80 g circa di formaggio montebore non troppo stagionato

1/4 di peperone rosso

1/4 di peperone giallo (possibilmente di Carmagnola)

mezzo porro

olio evo

sale marino integrale

farina di mais 

10g circa di nocciole delle Langhe 

Preparazione:

Tagliare il Montebore a fette alte circa 1/2 cm mantenendo anche buona parte o tutta (a seconda dei palati) la crosta.

Avvolgere le parti di peperone lavate e mondate dei semi, nella carta stagnola e lasciare cuocere in forno statico a 200 gradi per circa 20 minuti. Il peperone deve risultare intenerito ("perdita di texture", direbbe uno chef).
Aprire la stagnola e togliere la buccia dei peperoni. Tagliare a listarelle sottili e condire in una ciotolina con un filo di olio evo e un pizzico di sale.

Tagliare 5 o 6 rondelle di porro, dopo averlo ben lavato, toglierne la parte centrale per ottenere delle anelle. Passarle nella farina di mais e friggerle in un dito di olio evo. Scolare e salare leggermente.

Tostare leggermente in forno le nocciole (o in alternativa prenderle già tostate) e tritarle grossolanamente.

Aprire la ciabatta e scaldarla su piastra o al forno. "Io amo scaldare le due parti ottenute ancora unite per ottenere croccantezza fuori e morbidezza al centro".

Posizionare alla base del panino una parte (circa metà) dei peperoni che così cotti risultano quasi cremosi e profumatissimi. Poi posizionare le fette di Montebore e sopra di nuovo la restante parte di peperoni.
Ora è il turno delle anelle di porro fritte e infine la granella di nocciole.
Chiudere il panino e godere!!!

Riflessioni: 

"Il montebore è un formaggio straordinario per storia e sapore: intanto è uno dei pochissimi formaggi che tiene viva la cultura del latte di pecora nel nord italia. Inoltre è un prodotto che esalta il legame della gastronomia con il mondo agricolo. Per questo ho voluto inserire anche il peperone di Carmagnola: il panino deve dare sensazioni "agricole"!
Infine ho voluto utilizzare il porro per la sua "terrosità": è una caratteristica che mi riporta tantissimo al Piemonte e ai suoi prodotti e il montebore ne è sicuramente uno dei protagonisti".

Daniele Reponi

Daniele Reponi

Daniele Reponi, oste, salumiere ma soprattutto innamorato dei prodotti della grande cultura gastronomica italiana. Il panino è uno scrigno che può contenere tutto questo: un vero e proprio veicolo di cultura.

Articoli correlati

francesco-e-la-nuova-fabbrica-di-cioccolato-n-2074.html

Francesco e la nuova Fabbrica di Cioccolato

diego-e-l-incanto-de-le-garzide-n-2112.html

Diego e l’incanto de Le Garzide

storie-profumi-e-sapori-della-gastronomia-italiana-riuniti-nel-giro-d-italia-in-21-pani-n-1754.html

STORIE, PROFUMI E SAPORI DELLA GASTRONOMIA ITALIANA RIUNITI NEL “GIRO D’ITALIA IN 21 PANI”

parmigiano-reggiano-re-dei-formaggi-iv-parte-n-857.html

PARMIGIANO REGGIANO: RE DEI FORMAGGI - IV PARTE

salumi-espressi-n-2057.html

Salumi espressi

fernando-tommaso-forino-la-mortadella-della-memoria-n-2051.html

Fernando Tommaso Forino: la Mortadella della memoria