Panino Italiano Magazine

Panini di Casa: prosciutto crudo e marmellata di fichi

Ricette by Laura Rizzato 20/03/2020

Anche a casa un buon panino può essere un pasto curato e appetitoso: ecco quello che ho preparato io con le cose che avevo nel mio frigorifero.


Di Laura Rizzato


Diciamo che quando hai assaggiato per lavoro (e per fortuna!) moltissimi panini, e poi tocca a te prepararne uno… beh vorresti che fosse perfetto come quello con la zucca che aveva creato Daniele Reponi o quello con il pollo di Giovanni Rota. Ma poi ti viene incontro il fatto che sei in casa da giorni, seguendo le indicazioni del Governo, e quindi sfidi te stessa, la tua creatività, i tuoi gusti e il FRIGORIFERO. Una sfida divertente, eh! 

Osservando il frigo in ogni sua parte penso “Vorrei fare un panino davvero buono, mica pizza e fichi!”. Ed ecco fatto: ti ricordi in un secondo le la settimana precedente invece di fare mezzo chilo di pasta per pizza, ne avevi preparata un chilo e quindi hai ancora qualche pagnottina in freezer; la confettura di fichi Bio è un grande must della mia colazione autunno-inverno; una crosta di Parmigiano Reggiano ben conservata è lì che aspetta di essere usata; un filo d’olio serve sempre, soprattutto se hai l’extravergine del Frantoio Muraglia; e poi lui: il Prosciutto Crudo Beghin, della Macelleria Beghin di Teolo (in provincia di Padova), che è come dire “se devo pensare al panino di casa, un pezzo di Padova non può mancare!”. Ero un po' perplessa sulla mancanza di freschezza, ma insalata o rucola proprio non ne avevo, e quindi ho puntato tutto su cremosità e gusto intenso.

Ricapitolando, per il mio panino casalingo occorre:

- 1 Pagnotta di pasta di pizza homemade (ognuno può usare la sua ricetta)

- Confettura di fichi Bio q.b.

- Crosta di Parmigiano Reggiano

- Prosciutto Crudo Beghin (ognuno può usare il proprio prosciutto crudo dolce, affettato sottile)

- Olio extravergine di oliva del Frantoio Muraglia (o olio evo di buona qualità)


Procedimento:

Re-impastare velocemente la pagnotta di pizza, dopo averla scongelata, e lasciarla riposare una mezz’ora, facendole una croce in cima in modo da favorire ancora la lievitazione.

Infornare la pagnotta nel forno già caldo a 250° (poi dipende un pochino dal forno che ciascuno ha a casa), per 20-25 minuti.

Una volta dorata, fate raffreddare la pagnotta.

Nel frattempo, nel forno sempre caldo, fate tostare per qualche minuto la crosta di Parmigiano, fino a che ha i bordi croccantini, ma resta ancora molle all’interno. 

Una volta pronta tagliatela finemente a striscioline, dello spessore di 1-2 mm.

Una volta raffreddata la pagnotta, tagliatela orizzontalmente a fette spesse 1 cm, e scegliete le due centrali, dal diametro più ampio. 

Fate a questo punto tostare da entrambi i lati le due fette su una piastra.

Ora che è tutto pronto componete il panino in questo modo:

spalmate la confettura di fichi, senza esagerare, su entrambe le fette di pane; su una fetta disponete il prosciutto crudo, poi le striscioline di crosta di Parmigiano senza esagerare nella quantità. Aggiungere un filo di olio extravergine e chiudere con l’altra fetta in modo che la parte bagnata dalla confettura sia a contatto con le croste e il prosciutto crudo. 

Mangiare (e godere) subito caldo!


Laura Rizzato

Laura Rizzato

Laura Rizzato, Laurea Magistrale in Lettere Moderne e una passione, fin da ragazzina, per il cibo buono e ben presentato.

Articoli correlati

il-panino-secondo-vittorio-n-1756.html

IL PANINO SECONDO VITTORIO

un-piacere-che-inizia-con-la-colazione-n-2241.html

Un piacere che inizia con la colazione

maxi-toast-con-pollo-stracchino-e-mela-verde-n-1838.html

Maxi toast con pollo, stracchino e mela verde:

la-merenda-del-contadino-n-1827.html

La merenda del contadino

per-una-merenda-sfiziosa-n-2309.html

Per una merenda sfiziosa

sardinia-my-love-n-2294.html

Sardinia my love