Panino Italiano Magazine

Natura morta evocativa - La cena in Emmaus di Caravaggio

Paninosofia by Fabio Zago 11/04/2017

Nel 1596 – 1602 Caravaggio dipinge uno dei suoi capolavori cinematografici. Fatti di luce e tenebre.

E' La Cena in Emmaus.

Il volto di Gesù, al centro della scena, è centrato da una luce frontale, quasi come se partisse dal pittore e proietta ombre verso il fondo del dipinto.

Sprazzi di bianco illuminano in modo diverso il dipinto: la tovaglia candida, uno strofinaccio in basso a destra e un pezzo di camicia sul braccio del personaggio in piedi a sinistra.

Spruzzi di colore strepitosi qua e là. La tunica di Gesù è classicamente rossa, ma sulle spalle ha un mantello chiaro. E’ l’equilibrio del colore. Gesù benedice e tutti, sbigottiti, lo riconoscono.

Il canestro di frutta sul tavolo è una natura morta impareggiabile, che riprende quella più famosa e conservata a Milano. 

Gli altri cibi e oggetti sono ovviamente tutti simbolici.

Il pane è notoriamente il corpo di Cristo, il vino è il suo sangue. E' l'Eucarestia.

Di spalle, l’uomo in nero in lutto è forse S. Pietro? E il vecchio a destra, con la conchiglia sul petto è forse S. Giacomo?

E’ commovente. E’ conservato a Londra, alla National Gallery.

Fabio Zago

Fabio Zago

Fabio Zago, docente dell’Accademia Gualtiero Marchesi, presta la sua consulenza gastronomica per riviste di settore e per numerose aziende agroalimentari.
E’ autore di testi scolastici adottati in diversi Istituti Alberghieri italiani e di numerosi libri di cucina per il grande pubblico.
Già durante gli anni di formazione all’Istituto Alberghiero ha iniziato a viaggiare per il mondo alla scoperta di realtà gastronomiche e culturali diverse dalla sua. Gli Stati Uniti, Londra e Parigi sono state le tappe fondamentali della sua crescita e gli hanno lasciato un’ impronta cosmopolita, ma al contempo hanno radicato in lui la convinzione che quella mediterranea è la miglior cucina possibile.
Dice di sé, parafrasando una celebre canzone di De Andrè: “Amo pensare che dove finiscono le mie mani debbano in qualche modo iniziare i miei ravioli di patate e foie gras”.

Articoli correlati

la-cottura-del-pane-n-2117.html

La cottura del pane

rime-fra-due-fette-di-pane-n-2594.html

Rime fra due fette di pane

lappetito-vien-guardando-n-2104.html

L'appetito vien guardando

hamburger-italiano-n-2130.html

Hamburger italiano?

vegetarismo-e-legumi-n-2024.html

Vegetarismo e legumi

panini-di-letteratura-la-scelta-ferrea-di-ian-mcewan-n-2517.html

Panini di letteratura. La scelta ferrea di Ian McEwan