Panino Italiano Magazine

Libri: esce “TuscanBurger”, il tour della regione in 50 panini

Il panino a 360 gradi by Redazione 11/11/2020

Il volume di Marco Gemelli e Lorenzo Gagliano (ed. Il Forchettiere) passa in rassegna i luoghi e le storie di un'icona pop dello street food, nuova frontiera del mondo gourmet.


A cura della Redazione


C’è la piccola hamburgeria di paese e quelle d'ispirazione gourmet nelle città più grandi, c'è quella gestita da sole donne e quella dove assaggiare le varianti prodotte solo con materie prime locali. C'è il burger di zebra o di struzzo, quello con la carne kobe, fino al maxi-burger da un chilo per i palati più affamati. È un autentico viaggio nel mondo dell'hamburger made in Tuscany – piatto ormai considerato un'icona dello street food – il volume “TuscanBurger” (ed. Il Forchettiere, 250 pagine) di Marco Gemelli e Lorenzo Gagliano.


Non si tratta solo di una guida che passa in rassegna i migliori 50 locali dove gustare un hamburger di qualità, bensì di un progetto che vuole offrire una fotografia a 360° di tutto ciò che ruota intorno a “quel microcosmo separato da due fette di pane”, in un racconto che oscilla tra i palazzi del centro di Firenze agli angoli meno conosciuti della regione, tenendo fermo un principio ispiratore, ossia che in Toscana anche il burger può avere una propria nobiltà. 


Il Granducato – spiegano gli autori - ha tutto ciò che serve per esprimere una propria versione dell'hamburger che non ha nulla da invidiare a quella di altri territori: pensiamo alla carne, dalla Chianina alle altre razze bovine autoctone, fino al maiale di cinta senese o al cinghiale. Oppure al Pecorino Toscano Dop e a tutti i suoi condimenti standard, dalle cipolle di Certaldo al lardo di Colonnata, fino a produttori di tartufi, verdure e spezie tra i migliori in assoluto a livello internazionale. Grazie a uomini e donne che con la loro passione continuano a tener viva la tradizione, strato dopo strato si compone una 'via toscana' del burger che racconta una, dieci, mille storie di eccellenza”.


Con la prefazione scritta da Luisanna Messeri e con il sostegno di Vetrina Toscana - il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti, botteghe e produzioni di qualità che esprimono l'identità del territorio e valorizza la cultura enogastronomica come attrattore turistico - nelle pagine di “TuscanBurger” non mancano le storie imprenditoriali delle piccole e grandi aziende made in Tuscany di materie prime che compongono il burger, così come le interviste ai personaggi legati a questo mondo, gli abbinamenti ideali con vino, birra, bollicine e cocktail, le curiosità sui burger più stravaganti e così via. 


Uno spazio speciale del volume è inoltre dedicato ai ristoranti che mostrano un’attenzione particolare a questo piatto, nonché ai “pairing d’autore”, ossia le interpretazioni gourmet di 30 tra i più apprezzati chef toscani, stellati e non.


Redazione

Redazione

La redazione del Panino Italiano Magazine, diretta da Anna Prandoni, è costituita da professionisti della comunicazione del cibo che ogni giorno utilizzano il panino come veicolo per raccontare cultura, prodotti, storie e ricette. La testata giornalistica è un quotidiano aggiornamento sul mondo dell’alimentazione e della cultura gastronomica italiane, con un focus preciso su panini, prodotti, produttori e differenti tipologie e stili di consumo.

Articoli correlati

fotografare-il-cibo-con-lo-smartphone-n-1923.html

Fotografare il cibo con lo smartphone.

dai-monti-al-mare-i-10-picnic-da-non-perdere-seconda-parte-n-2725.html

Dai monti al mare, i 10 picnic da non perdere (seconda parte)

dopo-la-finta-carne-bovina-e-stata-presentata-la-finta-carne-suina-n-2578.html

Dopo la finta carne bovina è stata presentata la finta carne suina

paninomap-7-buone-ragioni-per-scaricare-la-guida-digitale-del-panino-n-2592.html

PaninoMap: 7 buone ragioni per scaricare la guida digitale del panino

elogio-del-pane-anche-in-quarantena-n-2659.html

Elogio del pane, anche in quarantena

panino-italiano-meglio-integrale-n-1921.html

Panino italiano: meglio integrale?