Panino Italiano Magazine

L'ESSENZA DELL'ACCUDIMENTO

Interviste by Ludovica Amat 18/04/2015

Sara Porro vive a Milano e scrive di cibo, viaggi e costume per “Amica”, “Dispensa”, "Dissapore", “Fine Dining Lovers”, “New York Magazine”, “La Repubblica”. È uno dei fondatori del sito “Sauce Milan. Nel novembre scorso ha pubblicato "Giuseppino", biografia scritta a quattro mani del giudice di MasterChef Joe Bastianich (Ed. Utet) Qui se ne può avere un assaggio. L’ho intervistata perché ricordavo di aver visto una sua foto (di Bob Noto!) mentre fa la scarpetta.

D. Che cosa associa alla parola PANINO?

R. “GITA!” Sono alle elementari, siamo partiti per una scampagnata, faremo e vedremo meraviglie, ma con una certa ripetitività il mio pensiero torna al panino che ho nello zainetto, ben incartato da mia mamma.

D. Il suo primo ricordo legato a un PANINO?

R. Quello preparato come merenda da mia zia Marisa che abitava sul nostro stesso pianerottolo e che, al contrario di mia madre, non lavorava: prosciutto cotto, un velo di maionese e ciuffetti di songino. L’essenza dell’accudimento.

D. L’ultimo che ha mangiato?

R. Ieri, fatto da me: pane di campagna tagliato in due e grigliato in forno, poi farcito con fettine di avocado (l’ultima mia ossessione), uovo strapazzato e salmone affumicato.

D. Un PANINO che non mangerebbe mai?

R. Quello da fast food, e non (solo) perché non mangio carne.

D. Il PANINO ITALIANO è diverso dagli altri, perché?

R. Che sia diverso è già un fatto riconosciuto negli Stati Uniti dove lo chiamano PANINI (con questa loro tendenza a pluralizzare i singolari, come salami, zucchini..) ed è sinonimo di “piatto italiano”. Dagli USA passano tutte le mode alimentari del mondo prima di arrivare da noi, è successo con la cucina cinese e giapponese e, anche se sembra un paradosso, saranno gli americani a spiegare agli italiani che il nostro panino è un piatto completo, con una precisa e irripetibile identità!

D. Una ricetta di PANINO ambasciatore del made in Italy?

R. Una bruschetta come Dio comanda: crostone di buonissimo pane “spesso” e una verdura tipicamente territoriale, come la cima di rapa, saltata in padella con olio extra vergine di oliva: THAT’S PANINO!

D. Il PANINO tra 20 anni?

R. È un auspicio che l’ossessione da carboidrato killer venga ridimensionata e che si mangerà meno carne e meno pesce, in favore delle verdure.

D. Se lei fosse un PANINO…?

R. Sarei uno di quei panini che mentre li mangi combini un po’ di pasticci, gli ingredienti vanno da tutte le parti, ma il tutto con una certa soddisfazione. Un panino “non da signorina”, ecco.  

Ludovica Amat

Ludovica Amat

Consulente in Comunicazione d'Impresa dal 1985, ha concentrato la sua expertise nel settore alimentare dagli anni 2000, curando e valorizzando i progetti di aziende industriali o imprese artigianali dell'alimentazione, ristorazione e distribuzione. Del cibo la appassiona principalmente la capacità di favorire e migliorare la relazione tra persone, considera il cibo stesso un grande comunicatore. Del Panino Italiano predilige la potenzialità di incoraggiare aziende, concorrenti nello stesso comparto, a fare sistema per affermarsi, tutti assieme, nel mondo. Dal settembre 2015 è responsabile dei Branded Content, delle Pubbliche Relazioni e dell'Ufficio Stampa della Fondazione Accademia del Panino Italiano e dei progetti collegati alla Fondazione.

Articoli correlati

convivialita-sorriso-viaggio-e-scoperta-intervista-a-riccardo-sciutto-ceo-sergio-rossi-n-2097.html

Convivialità, sorriso, viaggio e scoperta. Intervista a Riccardo Sciutto, CEO Sergio Rossi.

andrea-incerti-vezzani-panino-a-sorpresa-n-2222.html

Andrea Incerti Vezzani - Panino a sorpresa

le-otto-risposte-dello-chef-mario-caramella-n-2472.html

Le otto risposte dello chef Mario Caramella

il-panino-italiano-come-un-graal-n-1307.html

IL PANINO ITALIANO COME UN GRAAL

i-ricordi-delle-marche-e-il-presente-romano-delmonte-si-racconta-attraverso-il-panino-n-1777.html

I ricordi delle Marche e il presente romano: Delmonte si racconta attraverso il Panino

io-e-lui-al-parco-la-domenica-mattina-n-879.html

IO E LUI AL PARCO LA DOMENICA MATTINA