Panino Italiano Magazine

IL PANINO COME UNA SQUADRA, SE VINCE NON SI CAMBIA

Interviste by Ludovica Amat 17/07/2015

Il football è sbarcato in Italia nel ’45, assieme ai soldati americani. Non è stato facile radicare questo sport, dalle regole complicate e che punta tutto sull’essere squadra, in Italia, ma vedere lo Stadio Vigorelli di Milano pieno come un uovo per la finale di campionato è una conferma che, dopo 70 anni, qualcosa sia successo. Campioni italiani per il secondo anno sono i Seamen (Milano) che si sono aggiudicati il trofeo lo scorso 4 luglio - data in cui viene sempre giocata la finale in onore al giorno del ringraziamento. A proposito di contaminazioni vorrei esportare negli States uno dei nostri valori, la cultura del cibo, nella sua forma più accessibile: il panino, ed è per questo che ho posto le domande di That's My Panino a Emanuele Piloni, 23 anni, cornerback dei mitici Seamen, fresco di vittoria.

D. Che cosa associa alla parola PANINO?

R. Cibo buono!

D. Il suo primo ricordo legato ad un PANINO?

R. Un saltimbocca mangiato a Ercolano in gita in seconda superiore, semplice con crudo e mozzarella ma buonissimo!

D. L'ultimo che ha mangiato?

R. Panino maionese, grana e salame fatto in casa.

D. Un PANINO che non mangerebbe mai?

R. Quelle robacce da pub come panino all'affettato, banana e vodka; trovato in un paio di locali a Milano, spero non sia diffuso

D. Il Panino Italiano è diverso dagli altri, perchè? 

R. Non sono un intenditore ma così a occhio direi per la qualità degli ingredienti, soprattutto i nostri salumi e formaggi, e per la varietà.

D. Una ricetta di PANINO ambasciatore del Made in Italy?

R. Crudo e mozzarella

D. Il PANINO tra vent'anni?

R. Lo stesso! Squadra che vince non si cambia.

D. Se lei fosse un PANINO...? 

R. Grana, maionese e crudo. Ne mangio in tali quantità che è probabile che li abbia in vena al posto del sangue.

Ludovica Amat

Ludovica Amat

Consulente in Comunicazione d'Impresa dal 1985, ha concentrato la sua expertise nel settore alimentare dagli anni 2000, curando e valorizzando i progetti di aziende industriali o imprese artigianali dell'alimentazione, ristorazione e distribuzione. Del cibo la appassiona principalmente la capacità di favorire e migliorare la relazione tra persone, considera il cibo stesso un grande comunicatore. Del Panino Italiano predilige la potenzialità di incoraggiare aziende, concorrenti nello stesso comparto, a fare sistema per affermarsi, tutti assieme, nel mondo. Dal settembre 2015 è responsabile dei Branded Content, delle Pubbliche Relazioni e dell'Ufficio Stampa della Fondazione Accademia del Panino Italiano e dei progetti collegati alla Fondazione.

Articoli correlati

otto-domande-a-vittorio-beltramelli-n-2437.html

Otto domande a Vittorio Beltramelli

e-nato-gabbu-n-2261.html

È nato Gabbu

un-milanese-a-cape-town-n-2433.html

Un milanese a Cape Town

il-mio-panino-nel-bento-n-1650.html

IL MIO PANINO NEL BENTO

le-otto-risposte-di-donato-de-santis-n-2410.html

Le otto risposte di Donato De Santis

il-primo-ricordo-su-un-vassoio-dargento-8-domande-a-giovannella-condo-n-2063.html

Il primo ricordo su un vassoio d'argento. 8 domande a Giovannella Condò