Panino Italiano Magazine

In San Salvario ci siamo trovati all’improvviso in Puglia

Panino Tour by Alessio D'aguanno 07/05/2019

Con la scusa di provare le zeppole, abbiamo fatto tappa in una gastronomia salentina che avevamo adocchiato da tempo

a cura di Alessio D’Aguanno

 

La cucina regionale meridionale è davvero molto variegata. In ogni regione c’è una cultura a sé stante: quella calabrese, quella napoletana, quella sarda, quella siciliana e quella pugliese.

Il risultato è che al Nord arriva solo un antipasto – e non stiamo intendendo la portata – dei ricettari tradizionali. Prendendo il caso Puglia, per esempio, l’associazione immediata che nasce nelle nostre menti è quella dei taralli, delle orecchiette alle cime di rapa, della stracciatella e, per i più preparati e per i pugliesi trapiantati al nord, delle friselle.

Con il tempo, però, la regione capitanata da Bari si sta facendo apprezzare anche per altri prodotti. Si sta diffondendo tra le altre la puccia, una forma di pane – può anche essere anche fatta con l’impasto della pizza – del diametro di 20-30 cm tradizionalmente farcita con ingredienti poveri e locali. A Torino ci sono almeno 3 locali in cui si può gustarla, alcuni più pugliesi, altri meno.

Noi, con la scusa di provare la zeppola salentina – quella con un ciuffo di crema al cioccolato - siamo stati da All’improvviso, una gastronomia salentina nel cuore di San Salvario. L’atmosfera è estremamente accogliente; il locale si sviluppa in due sale, la più grande delle quali è quella d’ingresso, dove si trova anche il menu.

Oltre alla puccia la proposta salata è rappresentata da rustici, rustichelle, calzoni, mantovane e focacce; quella dolce, invece, da bomboloni, pasticciotti, torte e pasticceria secca.

Per entrare in contatto con la tradizione gastronomica della regione dei due mari, abbiamo preferito partire a rilento con una puccia e una zeppola.

Due prodotti poco conosciuti, ma con la potenzialità di diffondersi su vasta scala per versatilità e facilità di comprensione. La prima è, come dicevamo, un panino che qui viene farcito in svariati modi: dalle versioni di mare fino alle vegane e vegetariane. Noi abbiamo scelto la Baffo con patè di rape, toma gustosa, spianata piccante, lampascioni e, in abbinamento, la Raffo, una lager centenaria tarantina.

L’impasto croccante e compatto racchiude un gustoso ripieno. Non emergono tutti i sapori – la spianata emerge con prepotenza - ma il risultato d’insieme è piacevole, eccetto per una lieve secchezza che non facilita l’amalgama di farcia e impasto, come invece avviene nel panuozzo. La zeppola è ben areosa, contenuta a livello zuccherino e con una crema pasticcera molto delicata e un filino troppo rassodata.

In un posto che respira il Salento così intimamente, non si può non ritornare per provare le altre – meno note – specialità. Con la sicurezza di essere catapultati in Puglia da un momento all’altro.

All’improvviso.

 

Indirizzo: Via Belfiore, 22, 10125 Torino TO

Orari:

Chiuso il lunedì

Martedì-giovedì: 12-15, 19-00

Venerdì: 12-15, 19-02

Sabato: 19-02

Domenica: 19-00

Telefono: 011 263 9269

Alessio D'aguanno

Alessio D'aguanno

Alessio D'Aguanno, una laurea in Dietistica e un Master in Food & Wine Communication, si appassiona per caso al cibo e ne rimane folgorato. Il suo credo è "Love you can eat", apprezza quello che puoi mangiare e tutto sarà più buono.

Articoli correlati

il-panino-al-cantini-n-2087.html

Il Panino al Cantinì

vicino-a-torino-porta-nuova-abbiamo-mangiato-un-panino-con-l-impasto-della-pinsa-n-2427.html

Vicino a Torino Porta Nuova abbiamo mangiato un panino con l’impasto della pinsa

passione-toast-n-2076.html

Passione Toast

a-torino-ha-aperto-una-vivace-taperia-con-cucina-n-2449.html

A Torino ha aperto una vivace taperia con cucina

a-como-c-e-una-paninoteca-diversa-che-si-definisce-mistica-n-2467.html

A Como c’è una paninoteca diversa, che si definisce mistica

il-pesce-nella-michetta-n-1951.html

Il pesce nella michetta