Panino Italiano Magazine

Il Rubens alla veneta di Enrico Bertazzo

Panino Tour by Martina Borrello 14/09/2020

Instancabile sperimentatore con tre ristoranti all’attivo, Enrico Bertazzo ci ha preparato un Rubens rivisitato in chiave veneta in diretta da Parigi.


A cura di Martina Borrello


Dopo aver viaggiato e fatto carriera tra Parigi e Hong Kong, Enrico capisce che è ora di mettersi in proprio e aprire la sua attività. Così a gennaio 2015 apre Les Affranchis nel quartiere Pigalle a Parigi e due anni più tardi segue l’inaugurazione di L’entredgeu.

La quarantena imposta dall’emergenza Covid-19, non lo ha fermato e infatti ad aprile ha avviato un servizio delivery: Dariole Cuisine Livrée. La missione è quella di portare a casa dei clienti piatti di alta qualità, con tutta la food experience che il ristorante si porta dietro. Insomma, entrare in casa della gente senza esserci effettivamente, farli sentire coccolati e come al ristorante, senza perdere la qualità delle pietanze. Così è stato studiato un menu ad hoc, con piatti che vengono preparai la mattina e messi sottovuoto: basterà poi bollirli così imbustati per qualche minuto. Per completare l’impiattamento, viene fornito un breve video in cui lo chef spiega gli ultimi passaggi da fare prima di sedersi a tavola. Manca solo qualche tocco finale: la playlist Spotify per sentirsi proprio come al ristorante e una tisana digestiva per terminare il pasto con una coccola, tutto sempre fornito da Dariole.

Nel menu di Dariole purtroppo non ci sono panini, ma Enrico ne è molto appassionato, il suo preferito: il Rubens. Anche se il primo ricordo del panino è una rosetta con la mortadella, comprata in una latteria mentre andava in gita in montagna con la sua famiglia. Il Rubens invece, ci racconta, lo mangiava molto spesso quando lavorava a Hong Kong e oggi ha deciso di prepararlo per noi, rivisitato in chiave veneta. 

Al posto del pastrami, uno degli ingredienti principe del panino in questione, Enrico usa della lingua salmistrata e affumicata. Prima però, spalma una delle fette di pane di segale con della maionese al rafano e ci adagia sopra un mix di carota viola, cavolo rosso e rapa viola tagliata a julienne. Poi mette sopra la carne un cucchiaio di salsa fatta con cetrioli sott’aceto, prezzemolo, scalogno e pepe. Termina con una fetta di formaggio cheddar e chiude il panino, lo passa in padella con una noce di burro per poi metterlo qualche minuto in forno. 

Et voila, il Rubens alla veneta è pronto da addentare!

Martina Borrello

Martina Borrello

Laureata alla IULM in Comunicazione, Media e Pubblicità. Cresciuta tra i fornelli di un ristorante, adesso si occupa di social media rimanendo nello stesso ambito. Accademia unisce quindi le sue origini, la sua passione per la cucina e i suoi studi. Affronta il lavoro con gioia e creatività, grazie alla curiosità che la guida nel suo percorso.

Articoli correlati

tascaro-da-venezia-a-porta-venezia-il-bacaro-milanese-n-2368.html

Tàscaro: da Venezia a Porta Venezia, il bacaro milanese

i-sogni-son-desideri-da-realizzare-n-2072.html

I sogni son desideri…da realizzare!

la-dolce-avventura-di-le-pain-quotidien-n-100.html

“La dolce avventura” di Le Pain Quotidien

pork-n-roll-il-trionfo-dell-artigianato-e-del-panino-n-2755.html

Pork’n’Roll: il trionfo dell’artigianato e del panino

brioche-come-una-cassata-n-2322.html

Brioche come una cassata

a-torino-e-arrivata-la-vera-cucina-cantonese-n-2363.html

A Torino è arrivata la (vera) cucina cantonese