Panino Italiano Magazine

Il pane, veicolo di solidarietà

Il panino a 360 gradi by Roberto Magro 22/05/2018

1959 è l’anno della fondazione di Opera San Francesco per i poveri, la scintilla iniziale scoccata dall’iniziativa di un frate, Fra Cecilio, e di un industriale illuminato. 
Un’associazione milanese che fa del sostegno e dell’accoglienza la sua missione.
Dai primi anni, come mostrano le foto in bianco e nero di Fra Cecilio che distribuiva la minestra in scodelle, alla realtà di oggi, sono stati compiuti sostanziali passi avanti. La solidarietà organizzata e strutturata, per essere efficienti ed efficaci; alla base di tutto, il vero carburante, sono le donazioni e i volontari, oltre alla buona volontà e all’impegno dei frati cappuccini. A Milano i cosiddetti “frati di Viale Piave” sono quasi un’istituzione, ispirano fiducia e portano molti milanesi a donare vestiti, denaro o parte del proprio tempo libero.

Una doppia mensa (Viale Piave e la recente apertura in Piazza Velzquez), un centro di raccolta e distribuzione abiti, le docce e un poliambulatorio. Nutrirsi, vestirsi, lavarsi e curarsi, azioni quotidiane e indispensabili per ridare dignità a chiunque, per qualunque motivo, sia rimasto escluso. Non importa da dove vengono gli utenti e perché si sono persi, per accedere ai servizi occorre però registrarsi. Opera San Francesco vuole instaurare un rapporto con i propri utenti, perché anche gli aspetti relazionali e l’ascolto aiutano a rialzarsi da situazioni di disagio. Consistenti i numeri: circa 2300 pasti al giorno, 260 persone vestite e 140 curate dal poliambulatorio, 900 i volontari ordinari.


Con “Il pane di OSF” il 26 e 27 maggio per il decimo anno consecutivo l’associazione scende in piazza: dieci le città coinvolte, tra Lombardia ed Emilia, oltre 50 i gazebo. Una pagnottella offerta al pubblico, donazione suggerita a partire da 5 euro, importo che garantisce un pasto a un ospite della mensa.

Il pane, elemento simbolico di condivisione, diventa veicolo di solidarietà. Un alimento che racchiude in sè diversi significati: rivalutato dalla ristorazione che ne cura sempre più la qualità nella scelta di lieviti e di farine. Base per infinite variazioni quale contenitore di companatico che assume poi l’aspetto di panino. Qui diventa ponte tra l’associazione e il grande pubblico, come una mano tesa per farsi conoscere e raggiungere le persone, sensibilizzare e raccogliere fondi. 

A Opera San Francesco sono soliti dire che “fare del bene è il miglior modo per sentirsi bene, siate egoisti, fate del bene!” e noi non possiamo che sottoscrivere.

Roberto Magro

Roberto Magro

Roberto è un impiegato a tempo indeterminato, ma aspirante “flâneur”, almeno nei sogni; un ozio creativo nel quale dedicarsi completamente alla buona tavola, al cucinare e alle arti visive, alla lirica e alla letteratura dell’opera omnia di Balzac.

Restando con i piedi per terra coltiva queste attività come passioni personali, quando può, nel tempo libero. Scrive di cibo perché amare qualcosa e voler comunicare questo amore, crede siano una cosa sola, da gourmand aspirante gourmet, sempre pronto ad imparare cose nuove

Articoli correlati

natale-da-regalare-natale-da-gustare-n-2340.html

Natale da regalare, Natale da gustare

40-anni-e-non-sentirli-n-2414.html

40 anni e non sentirli

2019-il-panino-che-vorrei-n-2339.html

2019: il panino che vorrei

i-panini-della-rinascita-o-la-rinascita-dei-panini-n-2678.html

I panini della rinascita o la rinascita dei panini?

il-primo-passo-n-1787.html

Il primo passo

s-pellegrino-young-chef-il-talento-in-cucina-motore-per-il-cambiamento-sociale-n-2356.html

S.Pellegrino Young Chef: il talento in cucina motore per il cambiamento sociale