Panino Italiano Magazine

Il pane in stile fiammingo

Paninosofia by Fabio Zago 19/02/2018

È una delle nature morte più affascinanti di uno dei più importanti pittori di questo genere: è la "Natura morta con pesce e cervo volante", opera di uno straordinario pittore – evidentemente realizzata con l’uso delle lenti o di uno specchio, da Georg Flegel, grande pittore tedesco, di stile totalmente fiammingo e uno dei più importanti specialisti di nature morte e fiori nella storia dell'arte (1566-1638).

Su di una tavola ricca, più per la qualità del bicchiere di cristallo e del contenitore di vino o di birra che per la presenza di alimenti alti, si trovano alimenti non molto appetibili quali pane, aringa e cipollotti (ma siamo nel Nord Europa di cinquecento anni fa, quindi forse i gusti sono diversi dai nostri attuali).

Un cervo volante si dirige verso il pesce, con intento distruttore. Il contenuto allegorico è potentissimo, perché il cervo volante è il simbolo del male.

L'impianto cristologico è evidente, proprio grazie all’associazione tra il vino, il pane, che rappresentano l’eucaristia e il pesce, che, come ben sappiamo, è simbolo di Gesù, giacché il nome greco (Ichtùs) è acronimo di “Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore”.

Fabio Zago

Fabio Zago

Fabio Zago, docente dell’Accademia Gualtiero Marchesi, presta la sua consulenza gastronomica per riviste di settore e per numerose aziende agroalimentari.
E’ autore di testi scolastici adottati in diversi Istituti Alberghieri italiani e di numerosi libri di cucina per il grande pubblico.
Già durante gli anni di formazione all’Istituto Alberghiero ha iniziato a viaggiare per il mondo alla scoperta di realtà gastronomiche e culturali diverse dalla sua. Gli Stati Uniti, Londra e Parigi sono state le tappe fondamentali della sua crescita e gli hanno lasciato un’ impronta cosmopolita, ma al contempo hanno radicato in lui la convinzione che quella mediterranea è la miglior cucina possibile.
Dice di sé, parafrasando una celebre canzone di De Andrè: “Amo pensare che dove finiscono le mie mani debbano in qualche modo iniziare i miei ravioli di patate e foie gras”.

Articoli correlati

rime-fra-due-fette-di-pane-n-2594.html

Rime fra due fette di pane

niente-rimpianti-n-2655.html

Niente rimpianti

pane-e-limoni-morandi-n-2148.html

Pane e limoni, Morandi

il-formaggio-il-cascio-a-corte-nel-rinascimento-italiano-n-2537.html

Il formaggio, il cascio a corte nel Rinascimento italiano

in-principio-il-pane-n-2209.html

In principio, il pane.

i-panini-del-miracolo-economico-n-2301.html

I panini del miracolo economico