Panino Italiano Magazine

Il Tra i Due futurista

Paninosofia by Redazione 04/02/2015

Traidue è ne La cucina futurista di Marinetti e Fillìa (Milano, Sonzogno 1932) e viene creato nell’Italia del Fascio che ambiva ad avere una panineria propria. Sostituiva il Sandwich internazionale e faceva concorrenza al tramezzino termine creato in quegli anni da Gabriele D’Annunzio. I futuristi alla ricerca di un cibo veloce, scattante, vi riconoscevano una propria icona, caricandola di sottintesi.

Traidue

(Formula dell’aeropittore futurista Fillia)

Due fette rettangolari di pane: una spalmata di pasta d’acciughe, l’altra di pasta di bucce di mele tritate. Tra le due fette di pane: salame cotto.

Fillìa, Luigi Colombo, di Revello, inserisce il salame cotto, prodotto tipico tradizionale piemontese, quindi la pasta d’acciughe considerata, nel 1932, moderna e di spedito consumo. La pasta di bucce tritate è invece risparmiosa, autarchica e, con la guerra diventerà patriottica. La si preparava in casa con gli scarti delle mele tritati e cotti, ottenendo una salsa densa. Ancor oggi è presente on line nella cucina senza spreco, degli avanzi.

Redazione

Redazione

La redazione del Panino Italiano Magazine, diretta da Anna Prandoni, è costituita da professionisti della comunicazione del cibo che ogni giorno utilizzano il panino come veicolo per raccontare cultura, prodotti, storie e ricette. La testata giornalistica è un quotidiano aggiornamento sul mondo dell’alimentazione e della cultura gastronomica italiane, con un focus preciso su panini, prodotti, produttori e differenti tipologie e stili di consumo.

Articoli correlati

la-chistorra-di-roncisvalle-n-2615.html

La chistorra di Roncisvalle

il-formaggio-il-cascio-a-corte-nel-rinascimento-italiano-n-2537.html

Il formaggio, il cascio a corte nel Rinascimento italiano

marcia-indietro-n-2176.html

Marcia indietro!

non-si-era-mai-visto-ma-piace-raccontarlo-n-1832.html

Non si era mai visto, ma piace raccontarlo...

2018-panini-n-2342.html

2018 panini

tutti-ne-parlano-e-nessuno-cucina-n-2183.html

Tutti ne parlano e nessuno cucina