Panino Italiano Magazine

Il club sandwich a regola d'arte

Panino Tour by Anna Prandoni 18/05/2020

Matteo Felter è uno chef di grande carisma e di grande ingegno, che nel suo Grand Hotel Fasano – 5 stelle lusso sul lago di Garda - mette in campo tutte le possibili attività legate alla cucina: dalla colazione al dopocena, è sempre in pista per soddisfare i suoi ospiti.



A cura di Anna Prandoni



Per noi ha realizzato la sua versione del club sandwich, il suo panino preferito, che ha una tradizione molto antica e nasce a NYC a fine 800.

Rigorosissimo in cucina, lo chef ha italianizzato il più celebre panino d’hotel e lo ha reso ancora più goloso con l’aggiunta di ingredienti saporitissimi.

Le sue regole per un club sandwich che si rispetti deve avere tutti gli ingredienti salati e caldi, il pane all’esterno deve essere croccante e dentro morbido. Bisogna sentire il “crunch” del pane e poi tutti i sapori distinti degli ingredienti.

Lo prepara quindi con tre fette di pane tostate in forno, un uovo sodo, la cipolla di tropea brasata con vino rosso, la maionese spalmata su tutti i lati del pane, insalata, pomodoro marinato con olio sale pepe e origano, formaggio, guanciale affumicato e tacchino o pollo molto sottile passati entrambi in padella.

Per il montaggio, spalma la maionese sul pane, sulla fetta in mezzo da entrambi i lati. Poi prepara il primo strato, aggiunge tacchino, uovo, insalata. Poi procede con una nuova fetta pane, guanciale, cipolla tropea, pomodori, formaggio. L’ultimo passaggio è di nuovo in forno ventilato, per un paio di minuti a 250°C: la “botta” di calore permette al formaggio di sciogliersi.

La regola lo vuole fatto espresso per forza: solo così tutti gli ingredienti sono perfetti e il gusto e il morso sono come Matteo li desidera.

Preparare un club sandwich può essere anche una sfida da giocarsi in famiglia: ad ognuno il suo ingrediente, che andrà a comporre questa super delizia da gustare poi tutti insieme!

Ma qual è il panino preferito dallo chef? Alla fine, la confessione: la rosetta calda con la mortadella al pistacchio, la memoria delle merende da bambino prende il sopravvento sulle preparazioni da chef. Non possiamo che essere d’accordo!



Anna Prandoni

Anna Prandoni

Anna Prandoni è direttore de Il Panino Italiano e advisory board member dell’Accademia. Giornalista e scrittrice, da oltre 20 anni si occupa di enogastronomia con una particolare attenzione all’influenza che questo settore ha nella nostra società, prima come direttore de La Cucina Italiana, poi come direttore dell’Accademia Marchesi, oggi come direttore di Gastronomika, il magazine del cibo del quotidiano Linkiesta.

Articoli correlati

un-panineau-bo-bo-n-2314.html

Un panineau Bò-bò!

il-panino-contadino-dell-anno-del-marostica-di-vicenza-n-2465.html

Il panino contadino dell’anno del Marostica di Vicenza

e-se-la-bowl-fosse-di-pane-a-torino-se-ne-trova-gia-un-ottimo-assaggio-n-2496.html

E se la bowl fosse di pane? A Torino se ne trova già un (ottimo) assaggio

anny-bar-una-bonta-che-profuma-di-storia-n-2022.html

Anny Bar, una bontà che profuma di storia

vieni-a-londra-con-me-storia-di-una-focaccia-londinese-n-1847.html

Vieni a londra con me? Storia di una focaccia londinese

a-milano-i-calabresi-e-non-solo-hanno-di-che-gioire-n-2593.html

A Milano i calabresi (e non solo) hanno di che gioire