Panino Italiano Magazine

Il banchetto di Cleopatra

Paninosofia by Fabio Zago 21/09/2017

Alla cultura della panificazione egizia dobbiamo molto.

Nella valle del Nilo si sviluppa enormemente l’uso del pane come base dell’alimentazione umana, sebbene il pane di allora fosse preparato con numerosi e differenti cereali.

Ancora oggi gli egiziani moderni sono dei panificatori espertissimi e molto stimati.

In Italia, dove la comunità egiziana è numerosa, molti di loro lavorano come panettieri e persino come ottimi pizzaioli.

Il racconto che segue è un doveroso omaggio e ci aiuta a ricordare i forti legami che si intrecciano sulle sponde del Mediterraneo tra i diversi paesi.

Cleopatra fu regina d’Egitto in epoca ellenistica: regina della grande tradizione culturale egiziana e greca; dello sfarzo cerimoniale e della grandezza di Alessandrina.

Una corte lussuosa e certamente un magnetismo e un fascino immenso se non proprio la bellezza furono tutti strumenti di azione politica tesa a limitare il potere romano crescente.

Giovanissima fu amante di un maturo Giulio Cesare e certamente, per molti anni del triumviro Antonio.

Perduto il regno e l’amato, più per il primo che il secondo, si suicidò, forse facendosi mordere da serpenti e divenne eternamente famosa e spesso ritratta.

Meno famoso ma più interessante e più volte dipinto è l’episodio del primo incredibile e lussuoso banchetto offerto ad Antonio.

Il favoloso banchetto costò milioni di sesterzi romani, milioni di euro, per capirci. Alla fine della cena Cleopatra si fece portare un bicchiere di aceto e vi tuffò una perla che ornava il suo orecchio e la “bevve”.

L’altra fu salvata da un grande cortigiano e, quando i romani conquistarono Alessandria, fu portata a Roma, spezzata a metà e usata per adornare le orecchie della statua di Venere, conservata al Pantheon.

Tiepolo dipinge Il banchetto di Cleopatra nel 1740; da grande e fine “decoratore” è interessato, come tanta pittura settecentesca, al valore teatrale, mitologico, esotico ed erotico dell’episodio, nel 1740.

Cleopatra è una nobildonna veneziana. Il banchetto è attuale. Antonio è vestito da guerriero antico. Insomma, storicamente c’è qualche incongruenza.

È conservato a Londra, National Gallery.   

Fabio Zago

Fabio Zago

Fabio Zago, docente dell’Accademia Gualtiero Marchesi, presta la sua consulenza gastronomica per riviste di settore e per numerose aziende agroalimentari.
E’ autore di testi scolastici adottati in diversi Istituti Alberghieri italiani e di numerosi libri di cucina per il grande pubblico.
Già durante gli anni di formazione all’Istituto Alberghiero ha iniziato a viaggiare per il mondo alla scoperta di realtà gastronomiche e culturali diverse dalla sua. Gli Stati Uniti, Londra e Parigi sono state le tappe fondamentali della sua crescita e gli hanno lasciato un’ impronta cosmopolita, ma al contempo hanno radicato in lui la convinzione che quella mediterranea è la miglior cucina possibile.
Dice di sé, parafrasando una celebre canzone di De Andrè: “Amo pensare che dove finiscono le mie mani debbano in qualche modo iniziare i miei ravioli di patate e foie gras”.

Articoli correlati

il-prosciutto-cotto-n-1889.html

Il prosciutto cotto

dolceforte-n-2025.html

Dolceforte

pane-al-pane-un-percorso-tra-storia-arte-e-tradizioni-n-2218.html

Pane al Pane. Un percorso tra storia, arte e tradizioni.

niente-rimpianti-n-2655.html

Niente rimpianti

i-panini-di-panzini-n-2180.html

I panini di Panzini

pane-n-2053.html

Pane