Panino Italiano Magazine

Fernando Tommaso Forino: la Mortadella della memoria

Prodotti & Produttori by Daniela Guaiti 14/11/2017

«Sono cresciuto a pane e ‘mortazza’» spiega Fernando Tommaso Forino, giovane e talentuoso chef, per raccontare il “suo” panino. È il panino con la mortadella che gli è rimasto nel cuore, quello che gli preparava la nonna e poi la droghiera Pina di Fuorigrotta, cittadina Napoletana, ogni mattina prima di andare a scuola per una sostanziosa merenda, che si trasforma in un panino gourmet. Ventisettenne, campano, Forino negli ultimi due anni ha lavorato con lo chef stellato Emanuele Mazzella, e ora con il collega Adriano Mangia è alla guida della cucina del Bistrò Villa Porro a Induno Olona, in provincia di Varese.

Reinterpretando i sapori semplici e genuini della sua infanzia, lo Chef Forino ha ideato per i suoi ospiti “Amor Ricordo”, un panino che vede protagonista la mortadella abbinata ad ingredienti che profumano di Sud: stuzzicanti pomodorini secchi, foglie di scarola riccia e provolone del Monaco, uno dei prodotti simbolo della sua terra.

 

Amor Ricordo

Ingredienti:

Una baguette da 100 g

Mortadella 60 g

Provolone del Monaco 30 g

Pomodori secchi 10 g

Scarola Riccia 30 g

Olio extravergine di oliva

Tagliare la baguette farcirla con mortadella, provolone, pomodori secchi e scarola. Il tutto condito con un filo d’olio extravergine d’oliva.

Fernando Tommaso Forino: la Mortadella della memoria
Daniela Guaiti

Daniela Guaiti

Daniela Guaiti, autrice instancabile di manuali di cucina, ha fatto della divulgazione gastronomica la sua missione nella vita. Ha scritto libri su quasi tutto quello che ha a che fare con il cibo: la cucina tradizionale italiana e quella etnica, la cucina d’autore e quella dietetica, senza dimenticare i prodotti tipici, il vino e la birra. Tantissimi libri, con diversi editori, da Gribaudo a Giunti, da De’ Vecchi a Rizzoli, ma anche giornali: prima La Cucina del Corriere della Sera, e adesso La Cucina Italiana. Perché oltre al cibo, nella sua testa c’è la scrittura. Si è laureata in Letteratura Greca alla Statale di Milano, ma subito ha capito che non ci sarebbe stata un’altra via possibile: tra la letteratura e le ricette ha sposato queste ultime, senza se e senza ma. Anzi, un ‘ma’ c’è: ma non prendiamoci troppo sul serio!

Articoli correlati

luca-e-il-suo-miele-n-2055.html

Luca e il suo miele

se-non-e-dolce-e-formaggio-n-2095.html

Se non è dolce è… formaggio!

amore-a-prima-fetta-al-mortadellabo-n-1765.html

AMORE A PRIMA FETTA AL MORTADELLABÒ!

maialumeria-tradizione-gastronomica-dell-irpinia-n-2291.html

Maialumeria: tradizione gastronomica dell’Irpinia

mari-monti-n-1852.html

Mari & monti

giovanni-e-l-aceto-ammaliatore-n-2081.html

Giovanni e l’aceto ammaliatore