Panino Italiano Magazine

Costruire la propria reputazione digitale. Chi parla di voi? E come?

Il panino a 360 gradi by Anna Prandoni 12/10/2020

Se anche non avete mai messo online foto o testi sul vostro locale, è sicuro che altri l’hanno fatto al vostro posto.

Questo è uno dei primi motivi per cui è opportuno presidiare il digitale: perché se non ci siete voi, ci sarà qualcuno che parlerà di voi al vostro posto, e quello che dirà, come nei telefilm americani, potrà essere usato contro di voi.


A cura di Anna Prandoni


Il 78% degli italiani usa il passaparola per informarsi sui prodotti di settori che spaziano dall’IT al retail, dalla finanza al turismo.

È importante che un’azienda ascolti ciò che gli utenti scrivono in merito ai propri prodotti/servizi, per rilevare l’immagine percepita online e le eventuali criticità in merito. Capire dove si parla della propria attività (blog, forum, siti di settore, social network?), chi ne parla (consumatori abituali, turisti stranieri?) e come ne parla (elogi a tutto tondo, critiche ai prodotti/al servizio?) è utile per avere feedback sul proprio servizio/prodotto, ma anche per individuare competitor, stakeholder e influencer.


Come fare? Diversi sono i metodi di ascolto: da quelli gratuiti a quelli professionali, con strumenti a pagamento.

Per un’azienda a conduzione familiare basterà attivare un sistema di alert automatico, basato su parole chiave (es. il nome del ristorante/albergo) e ricercare manualmente, sempre per parola chiave sia all’interno dei motori di ricerca più comuni (attivando, se necessario, i filtri per il periodo di tempo, per lingua, per paese) sia su piattaforme di recensioni e sui social network (da Yelp a Foursquare, da Tripadvisor ai forum di settore).

Per catene più strutturate, quindi con una mole di messaggi maggiore, si può ricorrere a sistemi di monitoraggio che prevedano l’attivazione di tool di ascolto automatizzati, dove sarà previsto un settaggio di parametri (fonti, parole chiave, tempi, lingua…) e dove analisti esperti valuteranno i commenti e i messaggi emersi in rete.


L’ascolto è il punto di inizio per la propria presenza online, per capire i punti di forza e di debolezza del proprio prodotto, per capire su che strategia di contenuti puntare, per mettersi all’opera con una direzione, così da riascoltare e aggiustare di nuovo il tiro.


Anche strategia e costruzione della propria reputazione online sono indispensabili per un approccio vincente al digitale: scopri la nostra scuola per imprenditori digitali.



Credits: Photo by Jannoon028 / Freepik

Anna Prandoni

Anna Prandoni

Anna Prandoni è direttore de Il Panino Italiano e advisory board member dell’Accademia. Giornalista e scrittrice, da oltre 20 anni si occupa di enogastronomia con una particolare attenzione all’influenza che questo settore ha nella nostra società, prima come direttore de La Cucina Italiana, poi come direttore dell’Accademia Marchesi, oggi come direttore di Gastronomika, il magazine del cibo del quotidiano Linkiesta.

Articoli correlati

panino-giusto-si-fa-il-suo-delivery-e-lancia-la-prima-app-del-brand-n-2697.html

Panino Giusto si fa il suo delivery e lancia la prima App del brand

la-nuova-scuola-per-paninari-digitali-n-2763.html

La nuova scuola per paninari digitali

da-versailles-a-parigi-n-2495.html

Da Versailles a Parigi

elogio-del-pane-anche-in-quarantena-n-2659.html

Elogio del pane, anche in quarantena

artusi-2020-n-2716.html

Artusi 2020

tra-mare-e-montagna-il-panino-ligure-n-2634.html

Tra mare e montagna: il panino ligure