Panino Italiano Magazine

Colazione in giardino

Paninosofia by Fabio Zago 14/12/2018

È una delle ultime opere dipinte dal grande maestro e risale al 1883.

Ah, se fosse stato francese, De Nittis!  

Si riallaccia a un tema caro alla cultura impressionista, con evidenti richiami soprattutto a “Colazione dei canottieri” di Renoir. I soggetti di questo capolavoro sono la moglie e il figlio, entrambi ritratti al tavolo della colazione mattutina, nel giardino di casa, con il terzo posto – quello dell’artista stesso – lasciato vuoto, come accadrebbe a chi, volendo fare una foto ricordo, si allontana momentaneamente dal gruppo per poi ritornarvi al più presto. 

Nel posto lasciato vuoto, un panino dolce attende di essere consumato. La composizione è equilibrata e bilanciata, presenta un controluceche risalta il verde dell’erba e il candore delle anatre che gironzolano per il giardino. La moglie, riservata e materna, appare completamente in ombra, mentre osserva con attenzione e dolcezza il figliolo, ritratto invece nella fanciullesca azione di offrire qualche briciola ai volatili. La tavola imbandita, con cristalli e porcellane, accende di luce la tela e rappresenta una vera e propria dimostrazione di virtuosismo tecnico di cui è dotato l’autore e che al tempo era molto apprezzato dalla critica. 

È conservato a Barletta, museo Civico, pinacoteca De Nittis.

Fabio Zago

Fabio Zago

Fabio Zago, docente dell’Accademia Gualtiero Marchesi, presta la sua consulenza gastronomica per riviste di settore e per numerose aziende agroalimentari.
E’ autore di testi scolastici adottati in diversi Istituti Alberghieri italiani e di numerosi libri di cucina per il grande pubblico.
Già durante gli anni di formazione all’Istituto Alberghiero ha iniziato a viaggiare per il mondo alla scoperta di realtà gastronomiche e culturali diverse dalla sua. Gli Stati Uniti, Londra e Parigi sono state le tappe fondamentali della sua crescita e gli hanno lasciato un’ impronta cosmopolita, ma al contempo hanno radicato in lui la convinzione che quella mediterranea è la miglior cucina possibile.
Dice di sé, parafrasando una celebre canzone di De Andrè: “Amo pensare che dove finiscono le mie mani debbano in qualche modo iniziare i miei ravioli di patate e foie gras”.

Articoli correlati

dopo-la-visita-della-dietologa-n-2138.html

Dopo la visita della dietologa

il-tempo-e-sospeso-ma-pieno-di-panini-n-2613.html

Il tempo è sospeso, ma pieno di panini

mozzarella-in-carrozza-ricette-di-arte-e-cinema-n-2001.html

Mozzarella in carrozza: ricette di arte e cinema

vegetarismo-e-legumi-n-2024.html

Vegetarismo e legumi

la-civilta-egizia-e-il-pane-n-1953.html

La civiltà egizia e il pane

i-nomi-italiani-del-pane-n-2206.html

I nomi italiani del pane