Panino Italiano Magazine

Callipo “Dalla Nostra Terra”: Pane e marmellata… calabrese

Prodotti & Produttori by Daniela Guaiti 02/05/2017

Bergamotto, clementine e arance: tre agrumi per tre gusti, tutti ricchi del profumo di sole del Sud. Gli agrumi di Calabria sono la materia prima con cui vengono preparate le nuove Confetture Biologiche linea “Dalla Nostra Terra” di Callipo. La decisa fragranza del Bergamotto, “oro verde di Calabria”, la dolcezza delle clementine, il colore acceso delle arance tarocco trovano un compagno ideale nello zucchero di canna biologico. Niente coloranti né conservanti per ottenere un prodotto senza glutine, vegano e soprattutto buono. Un prodotto che racconta il sapore di una splendida Regione. Spiega Giacinto Callipo: «Il lancio del nuovo brand “Callipo Dalla Nostra Terra”, oltre a collocarsi nell’ambito delle attività di diversificazione che il nostro Gruppo sta sviluppando negli ultimi anni, si pone l’obiettivo di valorizzare le eccellenze della nostra Calabria. La linea di confetture e composte è infatti realizzata con materie prime a km 0, alcune provenienti dall’azienda agricola Popilia del Gruppo Callipo».

Senza dimenticare che bellezza e sapore, turismo e agricoltura sono le ricchezze della Calabria. Continua Giacinto Callipo: «Il progetto è nato dapprima proprio per utilizzare e conservare la frutta prodotta nella nostra azienda agricola, che viene offerta agli ospiti del Popilia Country Resort i quali possono anche raccoglierla direttamente dai frutteti. In seguito, dopo aver riscontrato un buon successo dall’inserimento dei primi prodotti presso i punti vendita aziendali, abbiamo deciso di accrescere la linea lanciando alcune specialità tipiche della nostra terra, come la ‘nduja di Spilinga spalmabile in vasetto, la composta di cipolla rossa di Tropea Calabria I.G.P. e l’esclusiva confettura di bergamotto biologica, oggi distribuite nelle migliori gastronomie, nei negozi specializzati e on line su shop.callipo.com».  

 

Daniela Guaiti

Daniela Guaiti

Daniela Guaiti, autrice instancabile di manuali di cucina, ha fatto della divulgazione gastronomica la sua missione nella vita. Ha scritto libri su quasi tutto quello che ha a che fare con il cibo: la cucina tradizionale italiana e quella etnica, la cucina d’autore e quella dietetica, senza dimenticare i prodotti tipici, il vino e la birra. Tantissimi libri, con diversi editori, da Gribaudo a Giunti, da De’ Vecchi a Rizzoli, ma anche giornali: prima La Cucina del Corriere della Sera, e adesso La Cucina Italiana. Perché oltre al cibo, nella sua testa c’è la scrittura. Si è laureata in Letteratura Greca alla Statale di Milano, ma subito ha capito che non ci sarebbe stata un’altra via possibile: tra la letteratura e le ricette ha sposato queste ultime, senza se e senza ma. Anzi, un ‘ma’ c’è: ma non prendiamoci troppo sul serio!

Articoli correlati

la-mozzarella-e-italo-francese-n-1898.html

La mozzarella? È italo-francese!

michele-macellaio-per-caso-n-2061.html

Michele, macellaio "per caso"

soppressata-lucana-mai-provata-in-un-panino-n-2760.html

Soppressata lucana: mai provata in un panino?

bertinelli-un-parmigiano-per-ogni-religione-n-2066.html

Bertinelli: un Parmigiano per ogni religione

giovanni-pascoli-e-la-piada-n-2259.html

Giovanni Pascoli e la piada

parmigiano-reggiano-re-dei-formaggi-iv-parte-n-857.html

PARMIGIANO REGGIANO: RE DEI FORMAGGI - IV PARTE