Panino Italiano Magazine

C’era una votla il fast food. Oggi c'è il fast casual.

Il panino a 360 gradi by Maria Sala 16/01/2017

C’era una volta il Fast Food. Una ristorazione veloce. Veloce nella produzione, veloce nella distribuzione e veloce nel consumo. Un prodotto di bassa-media qualità, un costo decisamente contenuto, ambienti spesso spartani e servizio prevalentemente self service.

Da qualche anno il Fast Food sembra avere un pericoloso competitor. Era il 1993 e iniziava a circolare un nuovo termine: Fast Casual. Un segmento che si opponeva al Fast Food, prendendone in prestito la velocità di gestione e organizzazione, ma con una qualità più simile a quella della ristorazione di alto livello.

Si tratta di un fenomeno dai confini ancora sfumati, tanto che spesso gli esperti di settore si litigano la classificazione di Fast Food o Fast Casual per questo o quel brand. Un esempio da tutti riconoscibile è Starbucks, a volte definito in un senso, a volte in un altro. Una cosa è certa: il cliente del Fast Casual, lungi dallo scendere a compromessi, vuole velocità e qualità insieme. Sia in termini di produzione, che di distribuzione e di servizio, ma anche di ambiente e atmosfera. E per questo è disposto a pagare un po’ di più. I numeri sono significativi, soprattutto negli Stati Uniti, dove entrambi i fenomeni sono nati e hanno preso velocemente piede: negli ultimi 15 anni il Fast Casual ha avuto una crescita 10 volte superiore a quella del Fast Food.

E in Italia? In Italia nascono quotidianamente diversi format che, spesso inconsapevolmente e a diverso titolo, operano sotto il nome di Fast Casual: Vasiniko, Panino Giusto, Rossopomodoro, That’s Vapore, Vanilla Bakery, Roadhouse Grill, Grom, Obicà, Ham Holy Burger, Ca’Puccino, Panini Durini e tanti altri. Si tratta di brand con più o meno locali, ma tutti con quelle caratteristiche di velocità e qualità che definiscono chiaramente il segmento.

Inconsapevolmente o no, l’Italia, quindi, può dire la sua sull’argomento, soprattutto grazie alla qualità della sua produzione di cui ha fame tutto il mondo. 

Articoli correlati

il-panino-al-lampredotto-piu-grande-del-mondo-70-kg-per-un-metro-e-20-di-diametro-n-2510.html

Il panino al lampredotto più grande del mondo: 70 kg per un metro e 20 di diametro

piccola-e-doverosa-ode-ai-paninari-n-2327.html

Piccola (e doverosa) ode ai paninari

la-ricetta-del-futuro-n-1968.html

La ricetta del futuro

ci-vediamo-a-firenze-n-2376.html

Ci vediamo a Firenze?

il-panino-nella-dieta-dei-bambini-n-303.html

Il Panino nella dieta dei bambini

dal-2019-al-panino-2020-n-2573.html

Dal 2019 al PANINO 2020