Panino Italiano Magazine

Anny Bar, una bontà che profuma di storia

Panino Tour by Sandra Tasca 06/10/2017

“Lunga è la strada, stretta è la via…”

Proprio lì in via de Togni, quasi nascosto in uno scorcio tra i più eleganti e aristocratici di Milano, all’ombra dell’Università Cattolica e della raffinata Santa Maria delle Grazie, il Bar Anny serve da più di trent’anni morbide ciabatte di grano tenero sapientemente farcite.

Lo spazio all’interno del locale è piuttosto ridotto, con un paio di tavolini bassi all’ingresso, un piccolo soppalco, qualche divano e una bella vetrina dalla quale si può osservare la preparazione di appetitosi panini. Quei panini che in città hanno fatto un pezzo di storia.

Antonio e la moglie, simpatica coppia che ha passato già da un po’ l’età degli studi, sono l’anima di Anny.

Lei dirige; lui taglia, scalda, affetta e imbottisce a suon di battute, intrattenendo i clienti affamati con simpatica ironia.

Il menù è piuttosto semplice e comprende alcune focacce, toast e una cinquantina di panini dai nomi bizzarri: Bagai, Gnuffo, Vip, tanto per citarne alcuni.

Ad attirare la mia attenzione è stato Dorigo: speck, paté di fegato, formaggio al vino bianco.

Lo speck è una nuvola, appena affumicato e tagliato sottile. Il paté di fegato è cremoso, poco amaro e la robiola lascia in bocca un piacevolissimo sapore di vino bianco secco.

Il pane è la tipica ciabattina che “andava di moda” negli anni ’80. Antonio la tosta affinché sia bella calda anche all’interno, soffice dentro e croccante fuori.

Prodigo nelle sue bretelle rosse e gialle, la riempie e la serve avvolta per metà in un tovagliolo di carta bianca.

Anny è un locale senza fronzoli dove il tempo pare essersi fermato.

Gli ingredienti sono semplici e abbinati alla vecchia maniera. Niente avocado, crème fraîche, julienne o emulsioni. Antonio preferisce lo sgombro, la fontina, la salsa tonnata, il patè di olive. La Bologna e la salsa rosa.

I panini hanno tutti lo stesso modestissimo prezzo e i supplementi (come cita il menù), si pagano appena 0,50 centesimi.

Anny profuma ancora di quegli anni fatti di sostanza, di quell’epoca in cui un panino doveva essere schietto e franco nel modo più semplice. Buono. Senza Instagram, né colori né props perfetti.

Anny Bar, una bontà che profuma di storia
Anny Bar, una bontà che profuma di storia
Anny Bar, una bontà che profuma di storia

Articoli correlati

la-paninoteca-piemontese-dove-il-bicchiere-e-tutto-ri-pieno-n-2365.html

La paninoteca piemontese dove il bicchiere è tutto (ri)pieno

in-san-salvario-ci-siamo-trovati-all-improvviso-in-puglia-n-2413.html

In San Salvario ci siamo trovati all’improvviso in Puglia

al-mercato-n-1939.html

Al Mercato

fast-and-easy-e-passione-n-478.html

FAST AND EASY E ...PASSIONE

un-panino-che-e-memoria-n-2056.html

Un panino che è memoria

cyclery-a-varese-n-2226.html

Cyclery: a Varese