Panino Italiano Magazine

A Torino ha aperto la casa delle crêpes e delle galettes

Panino Tour by Alessio D'aguanno 29/11/2019

Da giugno, a pochi passi da Piazza Castello, ha aperto un posto all'insegna della cucina bretone


A cura di Alessio D'Aguanno


Quante volte, passeggiando per la città, abbiamo incontrato un chiosco che preparava crepes dolci? E quante volte ne siamo rimasti attratti?

Nel centro di Torino, un posto che ha aperto a giugno ha sfruttato questo meccanismo per aprire una sede fissa, che sia capace di trasmettere l'idea di casa una volta varcata la soglia. 

L'artefice di Chez Camille petit bistrot è lo chef Diego Di Iorio: un luogo intimo che ha trovato dimora con qualche mese di ritardo in via Giambattista Bogino, con il supporto di una consulenza esterna per la gestione dei (curatissimi) social.

Se l'occhio vuole la sua parte, qui il proverbio è rispettatissimo.

Nelle pareti la fanno da padrona i mattoni a vista lasciando spazio, in alcuni scorci del locale, al bianco e al verde pastello. L'intimità dell'atmosfera, percepita dai soli quindici coperti in attesa dell'apertura della sala al piano superiore, ci viene confermata dall'approccio gentile della cameriera.


Il menu, vero punto forte dell'insegna, parla francese. Un francese conosciuto, ma finora solo per sentito dire - quello delle crêpes e delle galettes bretoni - a cui si aggiunge una discreta scelta di insalate servite in cialde croccanti. 

Le crêpes, delle cialde preparate con farina, uova, latte e burro, si differenziano dalle galettes esclusivamente per due aspetti: la farina di frumento, rispetto a quella di grano saraceno delle seconde, e l'abbinamento, che nel primo caso è dolce e non salato.

In questo bistrot vengono rispettate entrambe le regole, con qualche variazione sul tema quale il maggior utilizzo di ingredienti italiani e la proposta di ricette nuove oltre a quelle più tradizionali, come le galettes di Chez Camille.

Proprio fra queste abbiamo scelto quella che più ci ricordava l'oltralpe, la Valérie con caprino fresco, miele, noci e misticanza.


La pastella appena cotta, spugnosa e sottilissima, racchiude il formaggio - simile a un brie per l'aspetto ma non nel gusto - il quale domina il piatto senza sovrastare gli altri ingredienti, che risultano tutti azzeccati. L'insalata ha un potere sgrassante, il miele dolcificante, e le noci un 'sapore croccante e legnoso'.

Per concludere il pasto non esiste alternativa migliore a una crêpe dolce, magari la celebre Suzette.

Un'idea interessante, sviluppata con criterio e ragionevolezza.


Info:

Indirizzo: Via Giambattista Bogino, 4, 10123 Torino TO

Orari: Lunedì-sabato: 12:00-15:00; 19:00-22:00

          Domenica: chiuso

Telefono: 011 1875 2931


Alessio D'aguanno

Alessio D'aguanno

Alessio D'Aguanno, una laurea in Dietistica e un Master in Food & Wine Communication, si appassiona per caso al cibo e ne rimane folgorato. Il suo credo è "Love you can eat", apprezza quello che puoi mangiare e tutto sarà più buono.

Articoli correlati

il-bao-e-bio-e-tradizionale-n-2337.html

Il bao è bio, e tradizionale!

ancestrale-birra-e-mare-n-2243.html

Ancestrale, birra e mare

il-panino-delle-radici-per-sentirsi-in-paradiso-n-2175.html

Il Panino delle radici per sentirsi in Paradiso

abbiamo-mangiato-un-buon-panino-nel-social-table-piu-lungo-d-europa-n-2453.html

Abbiamo mangiato un buon panino nel social table più lungo d’Europa

il-panino-di-qualita-che-arriva-dove-vuoi-n-2125.html

Il Panino di qualità che arriva dove vuoi

a-torino-si-trova-ancora-un-divin-pane-burro-e-zucchero-n-2377.html

A Torino si trova ancora un Divin pane, burro e zucchero!