Panino Italiano Magazine

A Torino è arrivato o’cuzzetiello

Panino Tour by Alessio D'aguanno 28/02/2020

Fra i Giardini Reali e il Cimitero Monumentale a fine gennaio ha tirato su le serrande un’insegna nuova nel contesto torinese, ma legata alla tradizione napoletana attualizzata

A cura di Alessio D’Aguanno

Se dovessimo scegliere una regione che più rappresenta l’Italia culinaria nel mondo, la scelta potrebbe ricadere sulla Campania, vera e propria fucina di delizie gastronomiche dolci e salate.

Come per il resto della penisola, non tutte le tradizioni e ricette sono note al di fuori del territorio, per la difficile reperibilità delle materie prime, per le diverse usanze e, in alcuni casi, per incompatibilità gustativa. Non è certo questo il caso del cuzzettiello, l’estremità croccante del pane cafone svuotata di mollica e farcita di ragù e polpette.

In Campania è una tradizione familiare e, a giudicare da una delle ultime aperture torinesi, la speranza di due persone è che lo diventi anche nella città sabauda. Stiamo parlando di Emiliano Infascelli e Raffaele De Cesare - il primo napoletano, il secondo di origini pugliesi – titolari del neonato Bell’e Buon Street Food Partenopeo in via Catania, un localino con una decina di coperti aperto il 30 gennaio 2020.

La zona è gastronomicamente in fermento, lo stesso che abbiamo provato alla lettura del menu, che si divide tra friggitoria – cuoppi (€ 4-5), frittatine (2) e zeppoline (2) – crocchè ‘mbuttunato (3,5-4), ovvero una versione più golosa e contemporanea del fritto di patate, e i cuzzetielli (5), proposti in dieci varianti differenti più quella fai da te, in cui poter aggiungere contorni (1) e secondi (2) a piacimento.

Dal menu abbiamo ordinato il gustoso e croccante crocchè mortadella e crema di pistacchio, morbidissimo - quasi cremoso - internamente e due cuzzettielli: il Fuorigrotta con salsiccia, friarielli e provola, poco convincente per la non-omogeneità dei sapori e per la tenacità della verdura, e il Forcella con ragù di mammà. Un ragù preparato con carne di manzo – muscolo e involtino ripieno di aglio, prezzemoli, pinoli, uva passa e dadini di formaggio – e di maiale – spuntature, involtino di cotenna, polpette - lasciato sobbollire sul fuoco per 6-8 ore, fino a che la carne non si disfa nel sugo di pomodoro dolce, con una spiccata punta acidula.

Il pane cafone, preparato con biga e lievito madre, viene sfornato secondo una ricetta napoletana selezionata dai fratelli Falzetta da Il Forno di Trofarello, che prepara ‘palatelle’ di 500 g, poi divise a metà in due cuzzettelli.


Anche all’argomento prezzi si riscontra una certa ‘napoletaneità’ di fondo; non si spende più del dovuto per rivisitazioni di ricette popolari ma il giusto. E questo non può far altro che invogliare a tornare per assaggiare il resto del menu.

Bell’e Buon. 


Indirizzo: Via Catania, 9, 10153 Torino TO


Orari:

Lunedì: chiuso

Martedì-domenica: 12-00


Telefono: 011 1945 3836


Alessio D'aguanno

Alessio D'aguanno

Alessio D'Aguanno, una laurea in Dietistica e un Master in Food & Wine Communication, si appassiona per caso al cibo e ne rimane folgorato. Il suo credo è "Love you can eat", apprezza quello che puoi mangiare e tutto sarà più buono.

Articoli correlati

uno-sguardo-a-oriente-pietro-leemann-n-1876.html

Uno sguardo a Oriente: Pietro Leemann

i-panini-trovano-casa-n-2604.html

I panini trovano casa

abbiamo-mangiato-un-buon-panino-nel-social-table-piu-lungo-d-europa-n-2453.html

Abbiamo mangiato un buon panino nel social table più lungo d’Europa

il-panino-vicentino-n-2643.html

Il panino vicentino

a-torino-e-arrivato-il-maestro-del-fritto-e-noi-non-ce-lo-siamo-fatti-scappare-n-2443.html

A Torino è arrivato il maestro del fritto, e noi non ce lo siamo fatti scappare

una-pizzeria-di-torino-sforna-alcuni-ottimi-burger-fish-n-2380.html

Una pizzeria di Torino sforna alcuni (ottimi) burger fish