Panino italiano: meglio integrale?

05/07/2017
By Alex Revelli Sorini

Il panino italiano integrale lo voglio definire panino "integro", perché è un panino che ricorda la storia del chicco originale. Meno si spoglia il cereale, più ci regala nutrienti utili. Quello integrale è un panino italiano “funzionale”: particolarmente ricco di vitamine, sali minerali e di fibre solubili. Eccovi sette motivi per i quali io lo preferisco.

7 motivi per mangiare un panino italiano integrale:

1. Valore socializzante. Il chicco di grano, al di là del patrimonio nutritivo ed energetico è simbolo di vita e rinascita, ed il panino italiano preparato con farine di qualità rappresenta il primo atto culturale dell'uomo. Il panino italiano integrale si sposa perfettamente con quasi tutti gli alimenti.

2. Base di un'alimentazione sana. Assunto nella giusta quantità è l'alimento che rimette in ordine l'organismo. Privo di grassi (a meno che non sia all'olio), questo panino italiano apporta proteine vegetali e amidi.

3. Combustibile per cervello e muscoli. Apporta carboidrati che si trasformano in glucosio, zucchero necessario alle diverse funzioni vitali.

4. Alleato del buonumore. Il panino italiano nella versione integrale è ricco di sali minerali e vitamine del gruppo B, grandi alleate del buonumore.

5. Regno della pasta madre. Grazie all'uso della pasta acida questo panino italiano ha una fermentazione lattica: produce batteri che rimettono in moto rapidamente l’intestino, aiuta ad assorbire altre sostante nutritive, come minerali e vitamine del gruppo B.

6. Più gustoso e meno calorico. Il panino italiano integrale ha una ricchezza aromatica eccellente e solo 225 kcal/etto contro le 290 del panino tipo 00 (più carico anche di sale).

7. Senso di sazietà. Grazie alle fibre contenute, quello integrale ne ha circa il doppio rispetto al tipo 00, e può dare un senso di sazietà prolungato. Inoltre ha un indice glicemico basso perché le fibre rallentano l’assorbimento del glucosio.


precedente
16/06/2017

Hamburger

By Alberto Capatti
successivo
28/07/2017

Senza glutine

By Daniela Guaiti