Orso in cucina

24/05/2019
By Anna Prandoni
Orso in cucina

Alessandro è un milanese acquisito, che dalla Provincia di Agrigento si è trasferito nella grande città e da vent'anni è ormai a tutti gli effetti un lombardo. Ma le origini, in cucina, non tradiscono, e la sua vena siciliana ci ha regalato un panino dall'intenso gusto di estate al mare.

È venuto da noi in Accademia per presentarci il suo alter ego digitale, l'Orso in cucina

"Sono robusto e peloso come un orso, ma non sono per nulla orso nei rapporti con gli altri, anzi. 

A furia di cucinare e fotografare, due mie grandi passioni, ho deciso di aprire una pagina Facebook, e nel tempo sono riuscito a creare una vera e propria community di appassionati che mi seguono, adesso anche sul profilo instagram, e si appassionano al mio modo di cucinare ricette trasversali, italiane ma non solo. Ho costruito addirittura una app per mettere le mie ricette a disposizione di tutti."

Per noi ha realizzato un panino corposo, che rispecchia le origini siciliane dopo la sua fuga milanese. 

"Quando si andava al mare, la domenica, si portava sempre qualcosa. E la fettina impanata di melanzana era un classico. Metterle nel panino è stato automatico! Per me il panino è uno dei confort food preferiti, sono facili, pratici, perfetti da mangiare sul divano quando sei stanco. Ma ci tengo che anche il panino più semplice sia fatto bene: non mi piace il panino 'veloce' fatto a caso. Deve essere pensato, con i giusti abbinamenti."

E quindi scopriamo quello che ci ha dedicato. 

Intanto, prepariamo il cordon bleu di melanzana: tagliamo a fette spesse mezzo centimetro le melanzane, le accoppiamo inserendo tra le due fette il primosale morbido con peperoncino e impaniamo questo 'panino' con farina, poi uovo, poi un mix di pane grattugiato con 30% di pecorino grattugiato. Ripetiamo il passaggio in uovo e pangrattato per ottenere una doppia panatura e una bella crosticina. 

Friggiamo in olio di semi caldissimo per la perfetta doratura. 

Al posto del ketch-up, prepariamo una caponata con cipolla rossa stufata con poco olio, che faremo appassire con pomodorini pachino, dei pinoli, sedano e poi l'uvetta passolina ammollata. Sfumiamo con poco aceto bianco, zucchero di canna muscovado, caramelliamo bene e facciamo raffreddare. 

Racchiudiamo tutto in una mafalda con sesamo e ... slurp, non resta che mordere! Per placare anche la fame... da orso!

 

Ami la Sicilia? Conosci i Fratelli Burgio?

 


precedente
23/05/2019

Pane cunzatu: sapore di Sicilia

By Daniela Guaiti
successivo
02/08/2019

Rosso d’estate? Sì, ma fresco!

By Daniela Guaiti