Pane e salame 4.0

25/06/2019
By Anna Prandoni
Pane e salame 4.0

La merenda preferita dalla mamme per i bambini è il pane con il salame. Percepito come un prodotto puro, buono e tradizionale, il salame cacciatore in più è anche dop.

 

L'industria 4.0 dal 2011 identifica il processo tecnologico che le aziende adottano per avere prodotti con standard elevati e attenzione all'ambiente: e anche il pane e salame possono essere contemporanei e tecnologicamente all'avanguardia. Anche le aziende del consorzio del cacciatore italiano si sono enormemente sviluppate: per ottenere un salame buono come da tradizione ma enormemente migliorato. Nel tempo infatti il salamino per eccellenza è 'dimagrito' ed ha meno sale.

Non è facile ottenere la stessa bontà preservando la salute, ma al consorzio si stanno impegnando molto. Il presidente Gianluigi Ligasacchi sottolinea la forza della dop: "Quando una denominazione è particolarmente conosciuta le persone semplificano. Ormai il nostro prodotto è per tutti solo 'cacciatore' e dopo 20 anni di dop è invece importante ricordare questo aspetto.

Non tutti i salamini sono cacciatori! La dop è una garanzia per il consumatore: ha la sicurezza che venga usata solo carne proveniente da suini italiani, allevati con metodi sicuri e con alimentazione controllata. Inoltre la dop dà la garanzia di un processo produttivo che avviene nell'area del centro nord italia, che usa tagli nobili di spalla, solo spezie naturali con un pochino di aglio, che dona il sapore dolce che piace un po' a tutti.

Il tutto, sotto controllo di un organismo terzo controllato dal ministero, che garantisce ulteriormente la bontà e la qualità." 

E se a questa autentica eccellenza del territorio italiano abbiniamo anche frutta o verdura ricche di vitamina C, quest'accoppiata ci darà maggiore disponibilità di assorbire il ferro e digerire le proteine. Via libera quindi a papaia, ananas, kiwi ma anche a carciofi e melanzane, che riducono l'assorbimento dei grassi e del colesterolo. 

Il tutto racchiuso tra due fette di pane di grande livello, per ottenere la merenda perfetta.

È quello che ci ha proposto Antonio Cera, il fornaio di Sammarco. 

"Per il cacciatore ho scelto un pane con farina grossolana macinata a pietra, con poco sale per dare maggior rilievo al salamino. Ma ho anche provato a inserire il cacciatore direttamente nell'impasto, per un panettone di farina di grano arso, con poco sale, poco zucchero, miele e salame cacciatore ammorbidito in acqua e miele per 24 ore. Il risultato è un lievitato davvero inconsueto, in cui il dolce e il salato sono perfettamente equilibrati."

Il panino è servito!

Pane e salame 4.0